Passa ai contenuti principali

David Lynch

Con David Lynch, si apre un pezzo della mia storia di cinefila.
Tutto comincia con Lynch, con Twin Peaks e anche col suo cinema, che per me è sempre stato un evento programmato e imperdibile ogni qualvolta usciva un suo film.

My Story With David Lynch
Come ho detto prima tutto cominciò con Twin Peaks, serie tv che ha rivoluzionato il modo di fare telefilm nel mondo.
Da subito mi rendetti conto che dovevo vedere questo telefilm, cascasse il mondo era una cosa che volevo vedere, all'inizio non so cosa mi attirava, l'unica cosa che sapevo è che dovevo vederlo.
Settimana dopo settimana - ero ancora una ragazzina allora, andavo a scuola e avevo sedici anni - mi accorsi che Twin Peaks, non era un semplice telefilm, lo seguivo e avevo la netta certezza che l'autore di questo telefilm lo dovevo approfondire.
Cominciò così l'amore per il cinema, che mi ha portato alla conoscenza di altri autori che piano piano vi racconterò.
Continuando con Lynch, nel '91, non vidi Twin Peaks, tutto quanto ma mi piaceva un sacco.
Tutto cominciò seriamente nell'estate del 1994, era già un anno che avevo il videoregistratore e dentro di me sapevo che dovevo continuare il discorso e la conoscenza di colui che reputo uno dei maggiori registi della storia del cinema.
Ebbene, non ci potete credere, quell'estate fecero Twin Peaks, anche se non l'hanno fatto tutto, poco importa perchè ho cominciato a registrare e vedere i suoi film.
Primo film visto Fuoco cammina con me, una folgorazione, e cominciarono le ricerche su questo regista piuttosto strano - che cazzata hahaha - che volente o nolente è entrato nella mia vita senza lasciarla mai più.
Secondo film visto Velluto Blu, anche qui un altra consapevolezza che mi trovavo di fronte uno dei più grandi cineasti di sempre, anche se la pellicola era lineare, poco importa, perchè con Cuore Selvaggio, che ho visto infinite volte ho avuto la consapevolezza che Lynch sarebbe stato che lo si voglia ammettere o no, uno dei capisaldi della mia vita di cinefila.
Poi sono arrivati gli altri film, Dune, che per anni è stato il mio film di David Lynch preferito, perchè ho capito l'estrema profondità, ora l'ho nettamente rivalutato, pur riconoscendone i tantissimi pregi di un opera ben lontana dal suo stile, ma comunque da collezionare.
Poi quel capolavoro assoluto chiamato The Elephant Man, anche questo film visto infinite volte, ora è tra i film della mia vita, fino a Strade Perdute, un vero delirio cinematografico degno del miglior Hitchcock e Bunuel messi insieme, poi sono arrivati Mulholland Drive e il solare Una Storia Vera, che mi ha fatto conoscere il suo lato più solare.
Le tematiche di Lynch sono piuttosto complesse, Lynch è innanzitutto un surrealista, è visionario, è complicato, i suoi ultimi film, sono per i più indecifrabili, ma sono pezzi di storia del cinema, c'è poco da fare.
Le tematiche come ho preannunciato prima sono vivisezionare il lato oscuro delle piccole cittadine di provincia, le ossessioni psichiche dell'uomo, cercare il lato oscuro delle metropoli, come la trilogia su Los Angeles e tanto altro ancora.
E' un universo sfaccettato che ha in INLAND EMPIRE, suo ultimo film il suo canto del cigno.
Sapete che, una volta preso internet ho potuto visionare la sua completa filmografia e conoscerlo come si deve? Esatto, a parte INLAND EMPIRE, l'unico film che ancora non avevo visto era Eraserhead, che poi ho visto.
Oggi conosco il cinema di Lynch a memoria, potrei persino scrivere dei libri su di lui, chissà magari me li pubblicherebbero.
Alla fabbrica, ci sono recensiti quasi tutti i suoi film, presto completerò la filmografia, dopo un altra visione.
Potrei scrivere le recensioni a memoria, ma certamente il rivedere alcuni dei capisaldi della mia vita è per me un grande piacere.
Come sempre alcuni filmati delle premiazioni a Cannes, ovviamente - l'oscar a Lynch non l'hanno dato mannaggia la miseria tzèè - poi il tributo di youtube e la sua filmografia.









Filmografia

Eraserhead (1977) Durata 89 minuti
The Elephant Man  (1980) Durata 123 minuti
Dune  (1984) Durata 137 minuti 
Velluto Blu (1986) Durata 120 minuti
Cuore Selvaggio (1990) Durata 124 minuti
Twin Peaks - Fuoco Cammina con Me (1992) Durata 130 minuti
Strade Perdute (1997) Durata 135 minuti
Una Storia Vera (1999)  Durata 112 minuti
Mulholland Drive (2001) Durata 146 minuti
INLAND EMPIRE  (2006) Durata 180 minuti 





Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.