Passa ai contenuti principali

Pedro Almodovar

 Finalmente la pagina dedicata al grandissimo Pedro, avevo in mente di farla, ma poi rimandavo sempre, comunque per la gioia e il sollucchero dei fans della fabbrica dei sogni, beccatevi la pagina di Don Pedro, leggetevi le mie recensioni ai suoi film e poi guardateveli, perchè è importante conoscere questo autore.
 My Story With Pedro
Pedro Almodovar l'ho scoperto tanti anni fa, in cui vidi non tutto per la prima volta Lègami con Antonio Banderas, erano i primi anni novanta e già si parlava di questo attore per via della sua entrata in america, dove è diventato un divo popolare.
Lì per lì questo film non mi diceva niente, era soltanto uno dei tanti film con Antonio Banderas, siccome aveva fatto questo film, non persi occasione di vederlo.
Fino a quando uscì Tutto su Mia Madre nel 1999 e conobbi proprio in quel periodo Vincent, che mi avvicinò anche al cinema di Pedro.
Fu verso l'inizio del terzo millennio, che durante una passeggiata primaverile in cui ci tenevamo per mano che mi parlò del suo cinema preferito, tra i tanti Polanski, Spike Lee, Tarantino e via dicendo, c'era anche Pedro Almodovar, e così cominciammo a registrare insieme i film.
Ovviamente fino all'avvento di internet dove abbiamo potuto visionare la sua filmografia intera, e film dopo film, il mondo eccessivo e coloratissimo di Pedro è riuscito a conquistarmi, prima non ero interessata, c'è anche da dire che Vincent, il mitico, è stato capace di incuriosirmi, e di farmi apprezzare il suo cinema.
E da allora non mi perdo neanche un film diretto da questo grande regista, l'ultimo, l'abbiamo visto proprio in occasione della sua uscita, nella mia pausa lontano dal blog, che ho recensito al mio ritorno, per unirlo a tutta la filmografia completamente recensita.
Si, ho recensito tutti, ma proprio tutti i film del grande Pedro, ovviamente li potete trovare alla fabbrica, e tra poco li inserirò anche nella pagina, così potete finalmente leggere il mio parere su ogni pellicola diretta da questo grande artista della settima arte.
Ormai sono una autorità in materia Almodovar.
Quello che apprezzo nel suo cinema? Il contrasto tra le diversità, legate strettamente al mondo lgbt (Almodovar è omosessuale dichiarato) dove puoi incontrare gay, lesbiche, trans, e soprattutto il mondo femminile decantato in maniera comprensiva e lucidamente affettuosa da un uomo che sa capire le donne, cosa rara di questi tempi, e non mi stupisco che proprio un gay sappia capire le donne come il grande Pedro.
Ovviamente ora metto la vittoria agli oscar per Tutto su Mia Madre e un tributo al suo cinema, prima ovviamente della lista completa di film da lui diretti.




Niente tributo, portroppo non ho trovato niente su youtube, peccato :( adesso ecco la lista dei film da lui diretti e recensiti alla fabbrica ^_^

Filmografia

Pepi, Luci, Bom e le Altre Ragazze Del Mucchio (1980) Durata 82 minuti
Labirinto di Passioni (1982) Durata 100 minuti
L'indiscreto Fascino del Peccato (1983) Durata 114 minuti
Che ho fatto io per Meritare Questo? (1984) Durata 101 minuti
Matador (1986) Durata 101 minuti
La Legge del Desiderio (1987) Durata 102 minuti
Donne Sull'orlo di una crisi di nervi (1988) Durata 90 minuti
Lègami (1989) Durata 111 minuti
Tacchi a Spillo (1991) Durata 112 minuti
Kika, un Corpo in Prestito (1993) Durata 114 minuti
Il Fiore del mio Segreto (1995) Durata 110 minuti
Carne Tremula (1997) Durata 103 minuti
Tutto su Mia Madre (1999) Durata 101 minuti
Parla con Lei (2002) Durata 112 minuti
La Mala Educacion (2004) Durata 106 minuti
Volver (2006) Durata 120 minuti
Gli Abbracci Spezzati (2009) Durata 127 minuti
La Pelle Che Abito (2011) Durata 117 minuti
Gli Amanti Passeggeri (2013) Durata 90 minuti
Julieta (2016) Durata 99 minuti

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.