Passa ai contenuti principali

Arma Letale 3

Terzo capitolo del franchise a metà strada tra il poliziesco e l'action con protagonisti Mel Gibson e Denny Glover, nei rispettivi ruoli di Riggs e Mortaugh.
Il secondo dovrebbe andare in pensione, ma si da il caso che una serie di coincidenze, lo convincono a ritardare per così dire il suo pensionamento è lo stesso Riggs, che si è affezionato a lui e alla sua famiglia, e non vuole restare solo senza un compagno di cui non si fida.

Credete che l'azione dei nostri due eroi sia finita qui?
Intanto ritorna il petulante Leo Getz con l'aggiunta di una agente degli affari interni abilissima nelle arti marziali, che spacca in due i malviventi, che si unirà alla banda dei tre aficionados per smantellare una banda di trafficanti di droga, che usa i ragazzi di colore per i loro traffici.
In pratica la trama della terza puntata delle avventure di Riggs e Mourtaugh è questa, e non mancano neanche in questo capitolo avventura, action e divertimento.
Un bel film pane e salame, ricco di divertimento che riesce nonostante il terzo capitolo, a mantenere alta la qualità della serie.
Uscito nel '92 ha anche una soundtrack da urlo, comincia Sting con It's probably me, e finiscono Eric Clapton e Elton John con Runaway train.
Ma non è solo la soundtrack il motivo giusto per vederlo, ma l'insieme che rendono la trama, i personaggi, l'azione, lo smascheramento dei colpevoli, a farne un franchise che ormai a casa Lynch è diventato un cult, vi dirò che certamente questa non sarà la prima volta che lo vedrò
Comunque sia anche questo terzo capitolo non perde il suo appeal, e poi diciamolo questi sbirri un po' sopra le righe ormai mi stanno simpatici, gli voglio bene, in questi giorni cercherò di vedere anche l'ultimo capitolo per completarlo la settimana prossima con le recensioni qui alla fabbrica.
Intanto non perdetevi questa serie perché è veramente supermegagalattica, e se ve lo dico io che solitamente metto i cosidetti franchise, da parte, come film da vedere per staccare tra un film impegnato e l'altro, ci dovete credere.
Perché? Perché decisamente Arma Letale, non è certamente una serie da usare come stacco, ma come uno dei cult che certamente non si dimenticano facilmente.
Parola di scout.
Voto: 7



Commenti

  1. Inizia a sentirsi la mancanza di Shane Black, l'intreccio è più facilone, ma in ogni caso voglio bene a questo capitolo, alcune delle scene che preferisco di questa serie sono proprio qui, tipo Riggs contro il cagnolone, oppure il diverbio in acqua tra i protagonisti ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scopro adesso che questo Shane Black è lo sceneggiatore dei primi due arma letale...beh è comunque una serie cult, c'è poco da fare. Anche questo terzo capitolo è un buon film però ^_^

      Elimina
  2. Questo è probabilmente il più trash e il meno "dinamico", ma è pur sempre un ottimo seguito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trash non direi, ma è pur sempre una gran figata ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.