Passa ai contenuti principali

Revenge Stagione 4

Si lo so, mi prendo sempre un po' di tempo per le serie tv, me ne rendo conto, ma in questa estate di recuperi non potevano mancare neanche le seasons finali, dopo True Blood, è la volta del finale di Revenge, che chiude la saga alla quarta stagione.
Ok, non sarà di certo un capolavoro, me ne rendo conto, la mia recensione questa sera vuole essere il ricordo affettuoso di una serie che bene o male a casa Lynch si è fatta volere bene.
In questa quarta stagione succede di tutto e di più, quindi se non avete ancora visto la quarta stagione, che è l'ultima di questa serie non continuate la lettura, perchè ci sono spoiler, quindi se continuate a vostro rischio e pericolo.
Qua si è voluto fare il botto facendo accadere cose allucinanti, la vendetta di Emily/Amanda, da i suoi frutti, anche se alla fine lei decide di darci un taglio, perchè crede che ormai i cattivi bene o male avranno ciò che si meritano.
Attenzione non ha perdonato precisiamo.
Si scopre che David Clarke è ancora vivo, e nel finale della terza stagione uccide Conrad Grayson, con buona pace della stessa Vittoria, che non appena si accorge che David è vivo cerca di farlo rientrare nuovamente nel suo letto.
Victoria ovviamente cerca di manipolare David, e gioca la sua carta contro Emily/Amanda, non vi dico come, ma il destino come si dice ci  mette lo zampino - e fa anche rima hehe ;) - non ci vuole poi molto a capire che sua figlia è ancora viva.
Degne di nota le scene in cui David urla a Nolan che si è fregato i soldi di sua figlia, questi lo guarda sconcertato, ma sa che non può parlare perchè tradirebbe la sua amica.
La verità comunque viene sempre a galla, e si scopre che David è stato salvato dall'accoltellamento, ma ha dovuto lavorare con un uomo ancora più pericoloso di Conrad, anch'egli coinvolto nell'attentato in cui persero la vita in quell'incidente aereo, del quale è stato accusato.
E ci sono anche i morti, uno tra tutti che mi ha fatto venire voglia di scoppiare a piangere è Daniel, che fino all'ultimo ha cercato di rimettere le cose a posto con Margaux, ma non ci è riuscito.
Margaux è rimasta incinta, e dopo la morte di Daniel medita vendetta, nel frattempo Louise, una paziente dell'ospedale psichiatrico in cui era ricoverata, che sposerà Nolan...eh beh, vi lascio immaginare che succederà alla fine.
Basta ho detto quello che succede, non voglio dire altro altrimenti vi rovinerei la visione.
Comuquesia, ve lo dico chiaro e tondo, non aspettatevi roba grandiosa, la trama preme fin troppo il tasto della soap opera, riducendo le infinite potenzialità di una serie, che se vogliamo fare una seria recensione, tolgono qualità alla serie tv in se.
Si tratta certamente di un prodotto che non va oltre la mediocrità, almeno in questa quarta stagione, però, bene o male, nel mio piccolo ho voluto terminare la visione con questa quarta stagione, mettendolo nei Guilty Pleasure, si perchè ho voluto molto bene sia a Revenge che ad Amanda, ho voluto spaccare la faccia a quella arpia di Victoria Grayson, vera cattiva della serie, e se vedete il finale capirete di cosa sto parlando.
Cosa resta di Revenge? Una serie carina, che bene o male è piaciuta dalle mie parti, pur con tutti i suoi difetti e i pochi pregi, poco importa, l'importante è averla vista e parlarne.
Non sarà mai come tantissime altre serie tv, magari tra qualche anno verrà anche dimenticata, ma come dicono a roma che cce frega?
Se ve la volete vedere, o se volete recuperarla fatelo, però non aspettatevi molto da questa serie tv.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.