Passa ai contenuti principali

Okja

Urca, un altro film Netflix, ok è ufficiale, mi sto netflixando, legatemi, arrestatemi picch...no, quello no...hehehe, non sono masochista, appassionata di cinema ovviamente si xD.
Bong Joon-Ho torna con una produzione Netflix, un film davvero incredibile, ricco di scene sorprendenti, che ricorda molto The Host, la storia comunque è completamente diversa, e racconta di una ragazzina che deve salvare il suo grosso maiale che è anche il suo migliore amico, da una donna che vuole macellarlo.

Film ricchissimo di scene incredibili, che allo stesso tempo divertono e incollano letteralmente allo schermo del pc.
Dopo la parentesi americana di Snow Piercer si torna a una certa qualità, e soprattutto a una cura nei dettagli e nello script.
Non sono molti i film che racchiudono in se temi importanti come l'amicizia, il senso della vita, e la salvaguardia degli animali concentrati soltanto in un unico titolo; Okja è certamente uno di questi film.
Da qui si vede l'abilità del regista di raccontare una storia esattamente come ai vecchi tempi, e sono felicissima di questo dato che la stima verso di lui è grandissima.
Parlo ovviamente perchè sono da sempre una amante del cinema orientale, sin da quando ero piccola, quindi sono di parte.
Perciò la recensione di stasera non è certamente obiettiva, ma questo film va oltre l'obiettività in se.
Detto questo vi invito a vedere questo splendido film, perchè prima di tutto ne vale la pena; poi ovviamente l'amicizia tra la bambina e il maialone è una delle cose migliori uscite quest'anno cinematograficamente parlando.
Che cce frega se l'hanno messo su Netflix?
Godiamoci i film che escono, poi dove escono o non escono non è che è così importante.
Detto ciò è uno dei film che meritano una certa visione perchè è davvero grandioso.
Seconeo me ha fatto una produzione tornando nella sua Corea, prendendo ovviamente anche attori americani.
Belle le scene con Paul Dano e Jake Gyllenhaal.
La vera forza, invece è la bambina protagonista.
Non si ferma davanti a niente e a nessuno pur di salvare Okja, nemmeno dalla proprietaria che vorrebbe farci i soldi e ucciderla.
Film davvero travolgente, e lo sto recensendo che c'è come temperatura oltre trenta gradi, ma ne vale la  pena, nonostante il caldo opprimente.
Io ho adorato questo film, mi ha fatto ritornare bambina per tutte le sue due ore di durata, una sensazione che non provavo da tanto tempo.
Guardatevelo, sono sicura che vi conquisterà.
Voto: 8

 

Commenti

  1. Lo guarderò di certo..mi incuriosisce molto!

    RispondiElimina
  2. Vorrei tutti i film e le serie su Netflix, tanto al cinema ci vado lo stesso, però voglio tutto a portata di click, specialmente filmoni come questo nuovo del grande Bong Joon-Ho, che fa un'altra magia, favoletta alla Miyazaki che cambia passo giocando con i generi (il vero talento del Coeano) diventando una favola sì, ma per adulti che ti fa pure riflettere sul tuo rapporto con le bistecche, uno dei titoli migliori dell’anno secondo me, alla faccia di Cannes ;-) Cheers

    RispondiElimina
  3. Film adorabile, che mi ha strappato più di una lacrima. Sembra davvero un ritorno alle storie per bambini (ma non infantili e sciocche) che venivano portate sul grande schermo qualche decennio fa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca quanto hai ragione Bollicina :D

      Elimina
  4. Film che ho amato soprattutto per la scelta dell'autore di non sparare giudizi, cosa che forse sarebbe stata la scelta più semplice.

    RispondiElimina
  5. Pure a me è piaciuto decisamente.
    Netflix ormai è una garanzia, pure per i films e non solo le serie. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.