Passa ai contenuti principali

War Machine

Senza tanti giri di parole, ormai Netflix è una realtà, forse una nuova frontiera per fare cinema? Sinceramente parlando a me la cosa non dispiace, anche se certamente la sala cinematografica ben curata resta il luogo per eccellenza di ogni cinefilo che si rispetti.
Tuttavia non possiamo rinnegare la realtà e il cambio dei tempi che si profila all'orizzonte.
Non è il primo film prodotto da Netflix che vedo, sinceramente parlando prima di questo ne ho visto uno con Ellen Page, che si chiamava Tallulah, che spero di recensire al più presto possibile.
Ma stasera parlo di un altro film targato Netflix, si tratta di War Machine.

Se vi aspettate il classico film capolavoro che tratta di guerra avete sbagliato strada.
Questo film si trova a metà strada tra la commedia e il dramma con un Brad Pitt veramente molto bravo, in un film tutt'altro che superficiale o epico.
Pur non essendo un capolavoro, devo dire che mi ha divertita molto; questo generale che sembra una rockstar, ma che al momento opportuno tira fuori le palle è uno dei personaggi più bizzarri e originali mai interpretati dal divo Brad Pitt, e certamente come avete notato mi ha conquistata.
Il regista non lo conosco molto, sicuramente ha fatto qualcosa di interessante, e cercherò di trovare i suoi precedenti lavori.
Per quanto riguarda la storia, devo dire che quando il film è passato sullo schermo del mio pc mi ha sorpreso positivamente, e se io dico questo dovete crederci.
Brad Pitt è un fiume in piena, capace di incollare lo spettatore alla poltrona con la sua sola presenza, certamente è stata una delle sorprese più piacevoli dell'anno.
Se Netflix presenta film di questo genere e  opere ancora più interessanti possiamo stare pur certi che le sorprese non finiranno certo qui.
La guerra vista con un occhio diverso è certamente con uno sguardo un po' politicamente scorretto, può anche andare bene, a patto che ci sia dell'ironia di fondo.
Anche se sinceramente non si può certamente ridere sulla guerra, ma con uno sguardo un po' disincantato magari, ne potrebbe uscire un film simile a questo.
Il che è tutto un programma, almeno da parte di Netflix.
Per quanto mi riguarda vi consiglio veramente questo film, perchè mi ha ricordato una certa pellicola cult, diretta però da un grande regista: Mash di Robert Altman, anche se questa pellicola seppur ottima di qualità, non raggiunge mai i vertici del capolavoro altmaniano, ha  un suo perchè e certamente chissà, col passare del tempo verrà riconosciuta come un piccolo oggettino di culto.
Io lo spero.
Voto: 7



Commenti

  1. Il tema non è male, ma personalmente mi sono annoiato tantissimo, inoltre ho trovato Brad Pitt poco ispirato. Le faccette di Aldo l'Apache applicata allo scemone che faceva in "Burn after reading", ho apprezzato solo il cameo a sopresa finale, e Tilda, che vabbè è sempre grande ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Un po' troppo one man show BradPittaro e un po' troppo sfilacciato ma comunque godibile. Purtroppo altro che ironia, temo che ciò che si nasconde dietro la bella facciata dei proclami ufficiali sia davvero questo: un mondo raffazzonato di prime donne sacrificabili.

    RispondiElimina
  3. Non sono certo un patito di film sulla guerra. Da come ne parli però sembra una cosa più divertente e diversa del solito, quindi potrei anche fare un tentativo... ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.