Passa ai contenuti principali

Villaggio Globale - Il segreto del bosco Vecchio

Premessa: Non sono mai stata una fan di Paolo Villaggio, però ho apprezzato diverse sue interpretazioni, la prima, nel geniale film del grande Fellini La Voce della Luna, e il secondo con questo film di Ermanno Olmi.

Devo dire che non sono molti i film impegnativi che girano in italia, purtroppo, eh si perchè va per la maggiore la commedia, piuttosto che storie diverse. Fortunatamente escono pure loro; e menomale direi.
Il segreto del bosco vecchio si presenta subito come un film differente dalla solita melma che usciva in sala: Il film è uscito 24 anni fa, e, nonostante il tempo passato possiede ancora la stessa magia di quando è uscivo; è inutile negarlo.
Non conosco molto Ermanno Olmi, mia mancanza lo ammetto, devo pur riconoscere che è un grande regista perchè ha saputo cogliere la poesia e la magia di un misterioso bosco, riuscendo ad incantare gli spettatori.
Film del genere li fanno soltanto i grandi maestri del cinema, e con questo ho detto tutto.
La storia in se è una fiaba, capace anche di trasportarti in un mondo incredibile che può cambiare la concezione della vita del protagonista.
E la cambierà.
Ovviamente c'è da dire che questo soldato un po' burbero, all'inizio non si capaciterà di questa storia del bosco che ha ereditato, e deve anche prendersi cura di un bambino, le cose non saranno certo facili, ma piano piano l'uomo rimarrà conquistato dal luogo e soprattutto dal bosco, che con i suoi misteri e la sua poesia farà in modo che l'uomo difenda il luogo; che è costantemente minacciato dal disboscamento.
Riusciranno lui e il bambino a salvare il bosco preservando la sua innocenza?
Un film magico, che racchiude in se le fiabe di una volta, emozionante e coinvolgente come pochi film sanno essere, e anche un richiamo al rispetto della natura, molte volte è una cosa che si dimentica.
Paolo Villaggio, che recentemente è scomparso e mi sono unita anche io per celebrarlo, perchè seppur vero che non mi è mai piaciuto, devo riconoscere che anche lui ha fatto la storia del nostro cinema, e volente o nolente devo celebrarlo.
Comunquesia è giusto ribadire che bisogna conoscere anche un autore come Ermanno Olmi, cercherò di recuperare questa lacuna.
Intanto guardatevi questo film, che sicuramente vi conquisterà e vi farà tornare bambini almeno per le sue due ore di durata.


Questo blog partecipa alle celebrazioni di Paolo Villaggio con Villaggio Globale

 

Commenti

  1. Affascinante e molto dolce, con l'unico difetto di avere degli attori pessimi. Villaggio spicca per bravura ma in questo caso "ci piace vincere facile" XD

    RispondiElimina
  2. Strano confessarlo ma questo non l'ho mai visto, mai affascinato o interessato nonostante Villaggio, comunque mi fido del tuo giudizio e di Babol ;)

    RispondiElimina
  3. Il romanzo è un classico e l'adattamento tutto sommato funziona, sono forse più legato al libro, il film lo ricordo proprio per la prova di Villaggio, hai fatto bene a sceglierlo per questo ricordo all'attore ;-) Cheers

    RispondiElimina
  4. Mi vergogno a dirlo... Ma mi manca :P
    Beh, Villaggio Globale serve anche a questo :)

    RispondiElimina
  5. Anche a me manca questo, devo dire che del Villaggio impegnato ho visto solamente IO speriamo che me la cavo e questo qui non l'ho mai nemmeno sentito se devo essere sincero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.