Passa ai contenuti principali

The Void

E oggi parliamo di The Void, film di cui molti vedono l'horror dell'anno, io non sono di questo parere, e presto vi spiego il motivo, innanzitutto è un film piuttosto blasonato, però ha una grandissima potenzialità per essere un opera interessante, e dall'inizio sembrerebbe proprio fosse così, poi man mano che la storia va avanti si comincia a capire che qualcosa non torna, e quel qualcosa che NON TORNA esplode nel finale assolutamente assurdo che rovina una storia che poteva essere interessante, con una soluzione scontatissima.

Ora rispondo alla domanda che si pongono tutti, The Void è l'horror dell'anno? Assolutamente no, sicuramente usciranno horror decisamente migliori, anche se migliori di questi tempi è una parolona talmente grossa da rasentare la bestemmia.
Comunque sia The Void, nonostante tutto non è da buttare via, non è affatto male come film, solo che lo script non è curato bene, e si finisce per evidenziare un chiaro problema di sospensione dell'incredulità che sgonfia come un palloncino sul finale.
Non dico di più per non rovinarvi la visione, dico soltanto però non aspettatevi chissà quale capolavoro, perchè non lo è.
Con tutti i suoi difetti The Void può piacere o meno  a seconda dei punti di vista, solo che non è un horror particolarmente riuscito.
Gli effetti speciali, le scenografie, sono curatissimi e qui nulla da dire, ciò che non funziona è la struttura fondamentale del film, ovvero la sceneggiatura.
Film fin troppo prevedibile, lo ribadisco il che denaturizza un opera cinematografica che poteva essere se non un capolavoro almeno un ottimo film.
Tralasciando un attimo questi fatti, devo dire con rammarico che difetti a parte, c'è da sostenere una particolare opinione in cui se il film fosse stato scritto meglio, e fosse stato meno prevedibile magari oggi starei consigliandolo per la visione.
Se lo consiglio? Ni, decisamente ni.
Poi ovviamente voi potete essere liberi di pensarla come volete e vederlo, per carità non sono io quella che vi obbliga ad una non visione.
Detto questo dico che il film aveva infinite potenzialità per essere un opera ottima, che purtroppo sfumano via da un finale piuttosto frettoloso quanto prevedibile.
Un occasione sprecata davvero.
Film che, decisamente non è l'horror dell'anno, e scusate se lo ripeto, ma un opera parzialmente riuscita di due autori forse incapaci di andare oltre i propri limiti.
E questo è un vero peccato.
Voto: 5

 

Commenti

  1. Poteva essere un capolavoro enorme, invece è un filmetto ben fatto ma con delle pecche, peccato, ma i due ragazzacci che lo hanno diretto hanno un gran talento, mi aspetto grandi cose da loro ;-) Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…