Passa ai contenuti principali

Mad Max - Oltre la sfera del tuono

                                                                  Speciale Exploitation
E torna lo speciale sul cinema d'exploitation, con il terzo capitolo della saga di Mad Max, il quarto l'ho recensito anni fa, e si dice che dovrebbe uscire anche in quinto capitolo, io intanto sono qui in attesa e vi parlo del terzo.
Terzo capitolo che si preannuncia ricco di scene d'azione, inseguimenti e combattimenti, con una guest star d'eccezione la mitica Tina Turner.
Voi credete che interpreta un personaggio buono? E qui che vi sbagliate, qui lei è una vera e propria antagonista del nostro eroe, che si trova costretto a combattere dopo aver rischiato la pelle perchè ha rifiutato di  uccidere l'uomo con cui ha combattuto nella zona tunderdome.

Mad Max Oltre la sfera del tuono è un terzo capitolo che non sfigura affatto insieme agli altri due, anzi, certamente non tocca le vette del capolavoro, devo dire che film del genere ormai sono più unici che rari, quarto capitolo a parte, che non è male, però rispetto a questo è un gradino sotto per quanto riguarda la qualità.
Menomale che, per questa saga a dirigere il tutto è sempre stato George Miller, ma con questo terzo capitolo del franchise, si fa dare una mano da un altro regista George Ogilvie, ma il risultato qualitativo non cambia.
In questo c'è più azione, più scontri, ma anche contenuti, la narrazione e lo stile scorrono via facilmente che nemmeno ti accorgi della durata del film.
Prima volta per me che mi accingo a vedere questo franchise, anche se devo dire che ho cominciato con il quarto, ho finalmente recuperato i primi tre della saga.
I primi due sono insuperabili, autentici cult movie, che raggiungono vette altissime, e toccano il capolavoro, questo è un gradino sotto ma non importa, la produzione è della warner bros, e si vede che hanno speso più soldi rispetto ai primi due film della saga.
Mel Gibson, quando era giovane e prima che si facesse prendere dai deliri religiosi, era un attore cazzuto, e devo dire che  il ruolo di Mad Max sembra essergli cucito addosso, e devo confessare una certa ammirazione per la sua  personalizzazione del personaggio.
A parte questo credo che il vecchio Mel, abbia fatto coi registi un grande lavoro di improvvisazione, ci sono certe scene talmente naturali che non sembrano state scritte apposta nel copione.
Questo è sia un pregio che un difetto del film.
Se in un primo momento si ammira questa improvvisazione, e non solo di Gibson, ma anche di tutto il cast, per un altro punto di vista, si nota una certa approssimazione nella storia, che se sviluppata alla grande avremmo gridato a un terzo capolavoro.
Basta non voglio cercare il pelo nell'uovo, non sarebbe neanche corretto, in quanto questo è un film che spacca alla grande, diverte e coinvolge.
No, non è il classico film pane e salame decantato dall'amico Ford, uno di quelli tamarri da vedere con una birra e un pacchetto di popcorn in mano, o meglio potremmo anche vederlo, non cambierebbe niente in quanto il divertimento è ingigantito perchè è un signor film.
Vi sembra poco? Vi sembra scontato?
Comunque sia si nota una certa cura nella regia, anche se è a 4 mani, io sostengo che se il progetto fosse stato lasciato in mano solo a George Miller, avremmo avuto un altro capolavoro del genere, ma va bene lo stesso.
La trama si differenzia tra questo e i primi due, qui non ci sono soltanto gangs di motociclisti, oppure bande di gente che deve lottare per sopravvivere, qui ci troviamo di fronte a una regina che ha il controllo delle risorse per sopravvivere, sta a Mad Max capire come combatterla e sconfiggerla.
Ce la farà?
Sapete che non spoilero mai, non vado mai - a parte qualche eccezione ovvio -  contro la mia politica, e non intendo cominciare con questo film.
In conclusione, consigliatissimo.
Voto: 8 e 1/2

  

Commenti

  1. Il più hollywoodiano del trio originale, sicuramente quello più commerciale e meno "cattivo", ma altrettanto bello^^

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.