Passa ai contenuti principali

Loving

La storia del film racconta della causa dei coniugi Loving, contro lo stato della Virginia, per fare invalidare le leggi segregazionaliste che vietano matrimoni interraziali, motivo per cui sono stati imprigionati e divisi per oltre nove anni.
La storia è vera, sembra assurdo ma è così, lui è bianco e lei è nera, nell'america perbenista di fine anni cinquanta non era ben visto un matrimonio interraziale.

Questo si che è un buon film, innanzitutto perchè abbiamo una storia vera in primis, poi perchè è capace di empatizzare il pubblico, il che al cinema oggigiorno è cosa più unica che rara, questo film è capace anche di far riflettere lo spettatore sulle scelte della vita, e su quanto la società influisca anche in modo drammatico sulla vita delle persone.
Questo va oltre la libertà individuale, che nega decisamente ogni possibile felicità personale in una coppia, solo perchè la legge liberticida di uno stato decreta che è vietato per legge sposare una persona di razza diversa?
E questa la chiamate democrazia?
No, amici non lo è, perchè se un paese decreta per legge ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, siamo ben lontani dal definirlo democrazia.
Io come persona devo essere libera di amare chi cavolo mi pare, e la gente deve farsi i fatti propri e su questo non ci piove, lo stato pure lui deve farsi i fatti propri, a meno che non violi la legge o non uccida nessuno.
Ma una unione interraziale che male può fare?
Affinchè questo possa accadere ci vogliono le lotte per i diritti civili, che devono essere inalienabili e non devono essere attaccati in nessun modo.
E' proprio di questo che parla questo film, che io vi consiglio di vedere perchè ne vale assolutamente la pena.
Se è un bel film? Decisamente, mi è piaciuto un sacco, anche se forse qualcuno potrebbe definirlo buonista - cosa di cui non sono assolutamente daccordo - visto i temi trattati.
Il film parla decisamente di ignoranza e ristrettezza di vedute in un america puritana, ed esce chiaramente nell'annata in cui Trump diventa presidente e l'ondata nera invade le sale cinematografiche.
Un caso?
Certo però ambientare certi film sempre nel passato è un po' un clichè che spero venga superato in opere future, perchè il razzismo esiste oggi come ieri, ed è una piaga che bisogna combattere, così come l'omofobia e la xenofobia.
Voto: 7

 

Commenti

  1. Io purtroppo l'avevo trovato incredibilmente freddo e noioso, affatto coinvolgente. Peccato, perché la Negga è un'attrice che mi piace molto e mi è sembrata l'unica cosa che elevasse il film dalla mediocrità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece a me è piaciuto e anche molto :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…