Passa ai contenuti principali

The Fountain - L'albero Della vita

                                                              Riguarda & Recensisci
 Seconda giornata dello special dedicato a Darren Aronofsky, ok sarò breve, perchè per recensire questo film dubito che ci vorranno molte parole, poi andrò a dormire perchè ho sonno.

 
Riguarda & Recensisci ripesca dal suo cappello The Fountain - L'albero della vita.
Di per sè sembra un soggetto molto interessante, dalle infinite potenzialità, ma Aronofsky ne fa un apologo incostante, a metà strada tra un grande film o una boiata...riducendosi  in un opera anonima priva di spessore.
C'è bisogno di concentrarsi esclusivamente negli effetti speciali?
Io dico di no.
Senza dubbio non siamo ai livelli di Noah che era un film totalmente sbagliato sia nella struttura, che nella trama, questo bene o male con tutti i suoi difetti si fa volere bene, certo non siamo neanche ai livelli di film che ha precedentemente diretto.
Il mio preferito è e resta senza ombra di dubbio Requiem for a Dream che rimane un film insuperabile capace di darti il classico pugno nello stomaco.
The Fountain rimane un film in bilico, con evidenti buchi di sceneggiatura, ma dove vuole andare a parare?
Questa è la domanda che lo spettatore si pone.
Come protagonista sceglie l'allora compagna Rachel Weisz, che se la cava bene in un ruolo difficile, ad affiancarla c'è Hugh Jackman nel doppio ruolo del medico e del conquistadores.
Non ci vuole poi molto a capire che si tratta di un film nel film, che racconta la ricerca de l'albero della vita per l'eterna giovinezza o la salvezza visto che la protagonista e compagna del medico è malata di cancro, e lui cerca una cura pe salvarle la vita.
Nel frattempo in un arco temporale che va  da diversi secoli, c'è un conquistatore, che cerca proprio l'albero della vita, ma mentre noi sappiamo perchè il medico lo cerca, non si capisce il motivo per cui il conquistatore intende trovarlo, forse per vivere per sempre?
In conclusione, un film che resta in bilico incapace di esplodere e decollare, ma che presenta una struttura interessante capace anche di cogliere qualche sfumatura interessante, quindi non è tutto da buttare via, esistono senza dubbio film peggiori di questo.
Voto: 6

 
 

Commenti

  1. Se non ho visto fino ad adesso un motivo ci sarà stato, anche se mai sentito, comunque sicuramente non vedrò, bocciato ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.