Passa ai contenuti principali

Pi Greco - Il Teorema del Delirio

                                                       Riguarda & Recensisci

E anche oggi che è il giorno del mio compleanno c'è Riguarda & Recensisci, con uno special di due giorni dedicato a Darren Aronofsky, prima dello special lungo 9 giorni dedicato a Tim Burton, stasera si comincia con Pi Greco - Il Teorema del delirio, un film talmente bizzarro e strambo da risultare grandioso nella sua eccentricità.


Da non sottovalutare la storia abbastanza criptica per il grande pubblico.
Devo dire comunque che è l'opera d'esordio di Aronofsky, e già si nota una certa ispirazione Lynchana piuttosto alla lontana però.
La trama racconta di un genio della matematica che sta sempre davanti al pc e soffre di emicrania, lui crede che ogni forma di vita nasconda delle cifre matematiche, i suoi studi vanno talmente in fondo che riuscirà a scoprire una sequenza di 216 numeri che fa gola a tutti.
Dai brokers di Wall Street, ai rabbini ebrei.
Quella sequenza potrebbe essere il vero nome di Dio, ecco perchè sono in molti a volerla.
Film particolare, non di facile fruizione, ma assolutamente imperdibile.
La descrizione della psicologia del protagonista è fatta da paura, bastano poche sequenze per capire che ci troviamo di fronte a una persona che non si accontenta, e che vuole approfondire sempre tutto, anche a costo di andare vicino al delirio.
Cosa che assolutamente rischia di fare, sarà il suo genio a portarlo vicino alla follia?
Oppure ha proprio ragione lui ma deve assolutamente fare restare intatte le conoscenze al di fuori di coloro che zitti zitti, senza aver lavorato e trovato quello che lui reputa degno perchè crede di essere stato scelto per questa scoperta, vogliono mettere le mani nella sua scoperta.
Gli altri magari vogliono usare questa scoperta per riempirsi le tasche di soldi, lui invece la vuole usare per altri scopi.
Un film allucinante sotto tutti i punti di vista, un po' complesso vi avviso, e se non siete allenati a un certo tipo di cinema potrebbe risultare caustico e difficile, la cui visione almeno secondo il mio parere è fondamentale.
Qui Aronofsky è nel pieno della sua ispirazione e fa un film a basso costo, addirittura (forse) con la macchina da presa in spalla.
Alcune sequenze sono velocizzate per dare l'impressione di delirio del protagonista, questa l'ho trovata un ottima scelta per capire il personaggio.
Il film inoltre dura pochissimo solo ottanta minuti, capaci di lasciare il segno nello spettatore.
Assolutamente imperdibile, ve lo consiglio.
Però vi avverto che è un film per tutti e per nessuno, alcune sequenze possono risultare incomprensibili, messe lì a caso, ma non è così, ovviamente il tutto si riduce solo alla comprensione della storia.
Le tematiche del film risultano complesse e l'opera in se  esige una certa attenzione, che altre opere non richiedono.
Vi assicuro però che la visione è un esperienza incredibile, capace di sorprendervi.
Voto: 8

 


 

Commenti

  1. Per me un cultissimo.
    Il mio preferito di Darren Aronofsky, dopo l'inarrivabile (almeno, sempre per me) Il cigno nero. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.