Passa ai contenuti principali

Hellions

Come Bollicina ho deciso anche io di dare maggiore spazio all'horror, a cominciare da quest'anno in cui cercherò di visionare, e in alcuni casi anche re-visionare, il maggior numero di horror possibibili e inimmaginabili, per parlarvene alla fabbrica, e magari anche di rispolverare The Kings of Horror che non ci scrivo da un bel po'.

Leggendo la recensione da Bollicina, conobbi questo titolo, ovviamente ho letto anche la recensione di Lucia nel suo blog prima di visionarlo, così mi rimboccai le maniche e raggiunsi CB01 sito dove si possono trovare un sacco di horror recenti o meno, e lo vidi in streaming.
Neanche a dirlo l'horror in questione mi è piaciuto.


Innanzitutto perchè si distingue dalla solita massa di horror che promettono e puntualmente non mantengono le aspettative che ti sei fatto, poi perchè presenta una storia inusuale scritta per altro benissimo da un autore in vena di suscitare brividi nello spettatore, e che ci crediate o meno, ha fatto colpo.
Un horror che merita certamente di essere nella lista di titoli migliori che ho visto in questo fantastico 2017, e per un genere che per anni ha avuto un declino drammatico è già un bel risultato, che spero si avvii lungo una strada di rinascita.
Ambientato la notte di halloween, voi potreste dire eh si che palle ci sono centinaia di film che parlano dello stesso argomento, eppure qui abbiamo una ragazza incinta che deve fare di tutto per salvarsi la pelle, da un paio di mostriciattoli mascherati che chiedono dolcetto o scherzetto? Facendole vedere i  sorci verdi.
Ho avuto l'impressione durante la visione, poi magari sbaglio, che il tutto nasca da un incubo della protagonista, e dalla sua paura della gravidanza, ho recentemente visto un film che ha una impostazione ben diversa, ma abbastanza simile, in cui la protagonista è perseguitata da una psicopatica, a differenza in questo non ci sono scene stomachevoli e gratuite, al limite della sopportazione - e per dirlo io che adoro la trilogia zombesca di Romero, che bene o male ho visto le scene più raccapriccianti vuol dire che ha superato qualsiasi limite di sopportazione - il cui titolo è A L'interieur, ma ne parlerò ovviamente a tempo debito.
Concentriamoci sul bellissimo Hellions, che pur essendo un piccolissimo film, è stato capace di incollarmi letteralmente alla poltrona, e questa cosa succede diffcilmente con gli horror recenti, questo vuol dire che ha una sua struttura ben disegnata, capace anche di farti rabbrividire, il che vuol dire che Bruce McDonald con il genere ci sa fare, e non è affatto un mestierante, ma intende dare allo spettatore il brivido giusto per godersi un vero horror con la H maiuscola.
Può sembrare una parola grossa?
Niente affatto, vedetevi questo film e mi darete ragione, quei pargoletti incappucciati mi hanno fatto abbassare il volume dell'altoparlante, e non scherzo, ovviamente per attutire la mia paura psicologica, perchè di questo si tratta, è tutto psicologico, quindi da il brivido giusto che adoro in un horror.
Ho letto che questo film è anche su netflix, vuol dire che l'horror di qualità può essere ancora fatto.
E speriamo bene che si continui così.
Voto: 7 e 1/2






 

Commenti

  1. Cercherò di vederlo per Halloween, so che sarebbe il periodo perfetto ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.