Passa ai contenuti principali

Moonlight

Sorpresa, sono qui anche ora, oggi tocca anche a Moonlight venire recensito, e così lo faccio.
Film un po' criptico, ma capace di andare a fondo nella storia; Barry Jenkins, affronta una storia difficile e complessa, cercando sempre di essere realistico.
A qualcuno può risultare pesante, io ci ho visto anche una descrizione sofferta di una vita, quella di Chiron, un ragazzo gay di colore, che vive in uno dei quartieri più violenti di Miami.
Film tratto dall'opera teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin.

Una vita difficile direste voi, è vero, non è facile per un ragazzo gay, che ha una madre alcoolizzata e drogata vivere in uno dei quartieri poveri e malfamati di Miami.
L'autore della pellicola si concentra sui personaggi, narrando la loro vita difficile cercando allo stesso tempo di carpire le emozioni dello spettatore, cosa rara di questi tempi.


Il film è uno sguardo lucido e disperato su una personalità, che deve mentire a tutti riguardo cos'è realmente, cercando allo stesso tempo di costruirsi un immagine di maschio etero forte, per non soccombere alla vita dura e difficile del quartiere della sua città.
Ma come tutti quanti nella vita gli capita di innamorarsi, ed è solo in quel momento che esce fuori il vero Chiron, che si apre finalmente all'unica persona capace di amarlo e apprezzarlo per quello che è.
Ma la vita del quartiere è quella che è, è inutile girarci intorno. Chiron stesso mette da parte i suoi sogni per diventare uno spacciatore e si adegua ad una realtà che non gli appartiene.
Il film è talmente toccante e profondo che rasenta la poesia, è molto difficile fare film del genere capaci anche di far riflettere lo spettatore sulla vita, sulle condizioni delle persone di colore, sugli emarginati, che devono indossare una maschera agli occhi del mondo per continuare a vivere una realtà che non gli appartiene.
Ed è proprio questa la tematica di un film capace anche di affondare il coltello sull'emarginazione e il dolore, bellissima la scena iniziale con quello spacciatore che lo prende nella sua ala per allontanarlo dalla madre strafatta di crack.
Un opera cinematografica che ha raccolto parecchi premi e non di meno anche tre premi oscar, nell'anno in cui Trump è diventato presidente degli stati uniti.
Una scelta politica? Forse, ma almeno non è il solito film tradizionalista premiato dall'academy.
Alla fin fine si notano dei rimandi e citazioni persino a i 400 colpi di Truffaut, soprattutto nella scena finale.
Un grande film deve avere oltre un anima anche dei contenuti capaci di far riflettere gli spettatori, di trasportarli in una realtà complessa ma capace di fargli capire il mondo dove i protagonisti vivono la loro storia.
E Moonlight è senza dubbio un grande film, anche se non tocca il capolavoro poco importa, la tristezza negli occhi di Chiron bambino, è una delle cose più belle apparse al cinema di quest'anno, e scusate se è poco.
In conclusione, un film indimenticabile, capace di trasmettere allo spettatore tutto il dolore del protagonista, e soprattutto la sua rassegnazione a vivere in un mondo che non gli appartiene.
Voto: 8 e 1/2





 

Commenti

  1. E' un film che comincia lento e fatica a conquistare il cuore dello spettatore ma poi non te lo togli più dalla testa. Felicissima che si sia portato a casa l'Oscar :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, è un film che appena cominci ti resta impresso nella memoria, farà sicuramente storia ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.