Passa ai contenuti principali

Tutti Pazzi per Rose

L'anno sta per finire ormai, mancano poco più di 48 ore alla fine di questo 2014, che si è rivelato per me e per la fabbrica dei sogni un anno d'oro per quanto riguarda il cinema, da marzo fino ad ora una non stop cinematografica che non intente arrestarsi, e per quanto mi riguarda ho scoperto film, registi e attori di grande talento, ormai entrati di diritto nel mio olimpo personale.


Non è da meno questo delizioso film francese, la cui protagonista è una dattilografa che partecipa a un campionato di dattilografia, sbaragliando tutte le concorrenti, fase dopo fase, non c'è rivale che tenga, messa sotto allenamento niente popo di meno che dal suo capo - di cui si innamorerà come da copione - quindi dove sta la novità?
Di novità forse nulla, ma il film è capace pur essendo nel genere della commedia romantica di essere onesto ed avere una sua precisa identità, vi sembra poco?
In un certo senso è così, in un altro invece è capace di riprendere le atmosfere vintage e trasportarle ai nostri giorni.
La protagonista non è certo una sciocchina, ma una donna capace di pensare con la sua testa, nonostante le difficoltà iniziali, e andare avanti nel suo obiettivo.
Non sappiamo molto su di lei, ma si apprende quanto basta per entrare in confidenza con il suo personaggio, ed è proprio vero il detto volere è potere, basta volerlo e puoi fare qualsiasi cosa.
Rose si impegna talmente tanto a riuscire nel suo intento che la vittoria sembra arrivare in maniera talmente facile che le basta scrivere qualche foglio per potersi sbarazzare della concorrenza.

Tutto questo grazie alla sua macchina da scrivere magica e al suo talento uscito fuori grazie a un impegno costante nel perfezionarsi con lo scrivere, anche se non mancheranno le prime difficoltà, soprattutto all'inizio.
Questo film mi ha fatto pensare a quando andavo a scuola, e studiavo dattilografia, infatti a me viene piuttosto facile scrivere velocemente con la tastiera del computer, e sono talmente brava che persino le mie zie si stupiscono della mia velocità.
Non sono certamente ai livelli di Rose, ma sono brava, anche perchè scrivo con 9 dita, la barra spaziatrice la uso sempre con il pollice destro anzicchè con tutti e due i pollici, mi è sempre venuto facile ma ormai credo che sia impossibile correggere questo mio piccolo difetto nel battere a macchina hehehe.
 Comunque sia il film è deliziosissimo e tutto da gustare e vedere, bravissimi i due attori protagonisti Romain Duris e Déborah François, capaci di fare entrare nel cuore degli spettatori i loro personaggi con un semplice gesto.
La regia è semplice e schietta, capace di centrare il bersaglio con una chiara capacità di fare entrare gli spettatori nei mitici anni sessanta, il che è parecchio difficile di questi tempi.
Cosa volete di più da una commedia?
Voto: 7 e 1/2




Commenti

  1. il cinema francese è un mistero per me. Non mi convince a pieno ma ne sono attirata. Recupero questo film e vedrò di farmi un'idea più chiara. ;) Bel post!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.