Passa ai contenuti principali

The Babadook

Ragazzi non ci speravo più di trovare un horror degno di stare accanto ai miei preferiti del genere, e invece...direttamente dall'australia ecco arrivare per voi The Babadook, una storia incentrata su una madre che ha smesso di amare il proprio figlio, e che non ha elaborato il lutto per la morte del marito.

Tutti noi abbiamo avuto da bambini quei classici momenti in cui ci svegliavamo nel cuore della notte, e vedevamo figure scure nella nostra stanzetta, The Babadook mi ha ricordato quei tempi, in cui al buio da piccola mi svegliavo nella mia stanza, e quell'oscurità mi atterriva dalla paura; perchè?
Perchè non lo so, tutti i bambini hanno paura del buio, non esiste nessun bambino che non ha paura del buio, o che non abbia avuto il classico babau che lo spaventava.
Ma The Babadook nonostante presenti la classica storia su un babau è molto più di questo: innanzitutto è la storia di un controverso rapporto tra madre e figlio, e comincia quando la madre apre un libro perchè è in cerca di fiabe per addormentare il bambino, qui comincia l'incubo.
La madre mal sopporta quel pargoletto che le dice constantemente ti voglio bene, e la abbraccia, qualsiasi monelleria è vista come una seccatura, come qualcosa che ostacola la nostra vita.
Ma il Babadook non è un fantasma, non è il babau, è qualcosa che vive dentro tutti noi.

E' reale, quello si, anche se non si vede in maniera esatta, solo squarci, ma la sua presenza è costante, e vigila nella casa come un uccello rapace, pronto ad attaccare in qualsiasi momento.
Quando il Babadook arriva non ci si può liberare, lo si può soltanto abbracciare, ma perchè? Cos'è esattamente il babadook?
La risposta è semplice, quasi scontata direi, il Babadook è il male che vive dentro tutti noi, siamo noi, noi, che abbiamo smesso di sperare, noi, che viviamo una situazione scomoda, noi che non abbiamo elaborato il lutto di una persona cara, noi, che non sopportiamo le persone che ci stanno intorno, il nostro lato oscuro.
Tutti noi abbiamo un lato oscuro è inutile negarlo, non lo si può affrontare, non si può vincere, forse, se si è coraggiosi lo si può solo superare, se ci si riesce, ma anche quella sembra sia un impresa quasi impossibile.
Ebbene si, il terrore vive dentro di noi, dentro quelle mura con una madre che deve convivere con il figlio che gli ricorda sempre il giorno in cui è morto suo marito, il dolore mai superato le ha fatto perdere la cosa più importante al mondo, l'amore per quel bambino, che vede come un intralcio a ciò che realmente vuole fare nella sua vita, a cui fa festeggiare il compleanno il giorno dopo quello in cui è nato, per non ricordare la tragedia.
Insomma avete capito, il film è davvero terrificante, perchè non è mai come te lo aspetti, proprio come ai vecchi tempi, e non ci credereste ma l'ho inserito già tra i miei horror preferiti, tra poco dovrei scrivere l'articolo su The Kings of Horror quindi non perdetevelo ok?
All'inizio sembra percorrere la solita strada dei classici horror moderni che escono di questi tempi, poi vira verso altri luoghi e lì cominciano davvero i brividi.
E sono brividi da pelle d'oca, che altro dire se non correte a vederlo?
Voto: 8 e 1/2

 


Commenti

  1. da vedere assolutamente...è cosa buona e giusta :)

    RispondiElimina
  2. Ottimo film sul disagio ed il superamento del dolore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente, qui mi trovi daccordo con te forduccio :)

      Elimina
  3. L'horror dell'anno, almeno per me :)

    RispondiElimina
  4. Recuperato con estremo ritardo, ma ne è valsa la pena

    RispondiElimina
  5. L' ho molto apprezzato anch' io, anche se diverse cose mi hanno fatto storcere il naso. Molto molto buono, ma da un punto di vista tecnico poteva essere realizzato meglio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.