Passa ai contenuti principali

Robin Williams Tribute - Jack

Questo è uno dei film più maltrattati dalla critica, ma perchè?
Eppure sin dalla prima volta che l'ho visto mi è piaciuto un casino, quando si dice la critica certe volte ha la puzza sotto il naso, lo so, nel mio piccolo  anche se molto amatoriale faccio parte anche io della categoria ma come sapete io ci metto il cuore e la passione nelle mie recensioni, e molto spesso chi mi legge se ne accorge.
Questa sera riprendo il tribute personale che ho lasciato da parte dedicato al mitico Robin Williams, deceduto proprio quest'anno, e quale occasione migliore del natale per ripescare i suoi film? Non li ripescherò tutti questa volta, per carità hahaha, ci sono anche altri titoli che devono essere recensiti, questa sera e anche il giorno di natale sarà lui il protagonista alla fabbrica.

Jack ha il corpo di un uomo adulto di 40 anni, eppure non ha proprio quell'età, è affetto da una rara malattia che lo fa crescere più velocemente degli altri bambini, infatti Jack ha soltanto 10 anni, il primo impatto è devastante, poi Jack e Loui diventano inseparabili, anche se per i genitori mandare il bambino a scuola può essere un po' difficile.
I bambini sanno che non devono essere intolleranti con lui, e ben presto diventa l'idolo della scuola, grazie a una scoppiettante partita a pallacanestro, e una copertura per aiutare Loui con sua madre fingendo di essere il preside.
E' l'inizio di una amicizia che non avrà fine, e a nulla servono le reticenze dei genitori, soprattutto quando Jack sta male, saranno i bambini a convincere la madre a farlo tornare a scuola.

Jack è un film empatico, di quelli che quando li guardi ti riconosci subito nei personaggi, che non sono solo semplici macchiette, ma sono persone con cui è facilissimo ricoscersi, sono come noi, quindi la cosa diventa automanticamente riconoscibile.
Robin Williams è fantastico nel suo ruolo, e incarna quell'uomo/bambino alla perfezione, ed è divertentissimo vederlo in azione nelle scene a lui più congeniali, ovvero quelle comiche, da scompisciare, vedere la lotta tra mamma e Bambino al buio per accorgersene.
Francis Ford Coppola dal canto suo fa un ottimo lavoro nel creare la giusta atmosfera per mostrare al pubblico che Jack, un omone di dieci anni di dentro, anche se fuori sembra un adulto, facendo uscire il bambino che esiste dentro ognuno di noi, rendendo la cosa talmente efficace da rasentare l'immediato transfer tra i personaggi e il pubblico.
Non badate a quello che dicono i critici, lasciatevi trasportare dalla sfrenata allegria ed empatia di questo "diverso" che poi tanto diverso non è.
La forza dell'amore è dirompente come un fiume in piena, impossibile non restarne colpiti.
Il mio voto è 7
Le recensioni tecniche le lascio agli "esperti in materia", questa è una recensione empatica, esattamente come lo è il film chapeau!!!
Arwen.


  

Commenti

  1. L'ho visto tantissimo tempo fa ma effettivamente non lo ricordo malvagio... molto particolare, questo sì. E ovviamente sul finale avevo pianto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si condivido il finale è molto emozionante, alla faccia dei critici snob hehehe xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.