Passa ai contenuti principali

Questione di Tempo

Cosa succede se durante la giornata tu potresti cambiare qualcosa che è accaduto per migliorare la tua vita? E' quello che accade a Tim, quando gli capita qualcosa che non gli piace.
Come mai Tim Ha queste facoltà?
E' il padre a raccontargli il segreto di famiglia, proprio il giorno di capodanno, così il giovane modifica tutti i momenti della propria vita che voleva aggiustare, anche quando litiga con la sua fidanzata e aggiusta il litigio con qualcosa che rimette tutto a posto.

Durante la visione mi sono posta diverse domande, come farei se al posto di Tim ci fossi stata io? Ehehe, sarebbe stato bello riaggiustare i pezzi che sono andati a male nella mia vita, chi non lo farebbe? Avanti alzate la mano se avete il coraggio? Nooo? Hehehe, purtroppo certe cose accadono solo nei film, che bisogna guardare per illudersi che rappresentino, o rasentino qualcosa che noi desideriamo o vogliamo nella nostra vita.
E sono proprio i film a darci questa illusione, che, nel bene o nel male ci fanno sognare, facendoci evadere dalla realtà.
Se si potesse dare un aggiustatina alle cose che ci capitano ogni giorno dubito che riusciremo anche ad arrivare a notte.
Comunquesia è bello sognare, ma è anche vero che questo sogno da facili certezze invece che solide realtà, perchè così, aggiustando i tuoi errori, non potrai mai capirli, e non riuscirai mai a maturare, a rimediare lo rimedi, ma è proprio la comprensione a fare maturare chi sbaglia.
Certo è bello aggiustare il tutto e vivere felici e contenti, ma è anche bello litigare, arrabbiarsi, poter gridare, non solo aggiustare ciò che si ritiene sbagliato, alla fine il protagonista lo capirà?

Il regista non ne parla apertamente, ma ce lo fa intuire con piccoli accorgimenti necessari per dare un certo risalto realista al film.
Un film delizioso, delicato, intenso, un grande esempio di come è bello provare dei sentimenti per qualcuno, fare sogni, avere aspettative, emozionarsi (eh si, ogni tanto ci vuole) e appunto sognare.
Daltronde bisogna fare anche questo davanti a un film altrimenti non serve giusto?
Cosa colpisce maggiormente in questo film? Innanzitutto una sceneggiature intelligente e acuta, poi la caratterizzazione dei personaggi con cui è facile identificarsi, e per ultimo, ma non meno importante, sono le piccole cose; quelle sono importanti e vengono rappresentate con una sincerità disarmante, e scusate se è poco.
Potrebbe essere stupido provare felicità quando si guarda un film così semplice nella sua struttura, ma invece non lo è:  proprio perchè vuole dare al pubblico qualcosa di molto vicino al pubblico stesso.
Anche il cast degli attori è azzeccato!!!
In conclusione, un buon film, scende qualche lacrimuccia, e ti fa sognare, cosa chiedere di più a un film? Un Lucano? Naaaaa!!!
Voto: 7

 

Commenti

  1. Per me uno dei titoli migliori dello scorso anno.
    E da padre, un film sul rapporto con i figli stupendo.

    RispondiElimina
  2. A me non è piaciuto così tanto... Rapporto padre/figlio, sì, vabbè, però non mi ha lasciato nulla...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.