Passa ai contenuti principali

Mister Lonely

Analizziamo l'inizio del film:
mentre Bobby Vinton canta la canzone che da il titolo al film Mister Lonely, vediamo uno pseudo Michael Jackson, sopra un triciclo sulla strada...un inizio surreale ed insolito per un film che praticamente si fonda su delle maschere.

Ma chi sono queste maschere? Persone che praticamente per sentirsi vivi impersonano personaggi famosi e vivono in una comune, dove puoi incontrare, Madonna, Charlie Chaplin, Marilyn Monroe e Shirley Temple, e vivono felici in questa isola un po' lontana dal mondo.
Il film è suddiviso in due gruppi di persone, il primo gruppo è quello di cui ho parlato poco fa, il secondo si tratta di un prete - una chiara allegoria e presa in giro della chiesa cattolica con i suoi miracoli da barraccone - che gira con il suo aeroplano e per un motivo sconosciuto, comprende che le suore che si sono buttate dal velivolo, senza paracadute, sono rimaste vive.

Si pensa  a un miracolo, tranne nel finale in cui tutto casca come un castello di carte.
Ho sempre sospettato secondo una mia precisa interpretazione, che ci fosse un legame tra le due storie, che fossero in un certo senso collegate.
Lo si può constatare dal fatto che quando il sogno, o l'illusione di essere un famoso personaggio ti dava sicurezza e coraggio nel mondo che immaginavi, allora poteva succedere di tutto, come appunto anche le suore che potevano buttarsi sul paracadute; una volta che le maschere sono state buttate giù, e Marilyn Monroe compie un gesto disperato perchè non riesce ad accettare se stessa, e qui non vi dico nient'altro per non spoilerare, ecco che la realtà piomba come un fulmine a ciel sereno, squarciando quel velo mistico e divino, che aveva fatto gridare al miracolo delle suore, ecco che le persone che si nascondono dietro un volto famoso non riescono ad accettare la realtà e conviverci, perchè non vogliono vivere nella realtà, o sono troppo fragili per essere se stessi, o troppo finti per avere il coraggio di gettare la maschere ed essere se stessi.
Il linguaggio metacinematografico di Harmony Korine non è banale, tutti ci nascondiamo dietro a una maschera, ma se per i protagonisti la maschera è reale, e una volta capita e accettata la realtà hanno il coraggio di essere se stessi gettandola via - l'unico che lo fa è colui che si nasconde dietro Michael Jackson, stanco di recitare dietro a un personaggio che non lo rappresenta - per noi, pubblico che guardiamo il film la maschera è solo una metafora, una allegoria, un illusione che ci costruiamo sin da quando veniamo al mondo, chi è capace di buttare la maschera mostrando se stesso, spesso non è capito come quello che la tiene ben piantata in faccia.
La realtà è che noi esseri umani viviamo nella finzione, ed è proprio questo che vuole gridare Harmony Korine, da sempre un regista capace di guardare nel profondo l'animo umano con i suoi film, e lo fa anche con questo, a mio avviso un opera matura e ben diretta, una parodia degli esseri umani, o forse per meglio dire una denuncia alla falsità dell'umanità.
Da molti considerato un opera minore, è invece il canto del cigno di un regista capace di parlare in modo diretto e acuto, ed è questo il bello del cinema indipendente.
Voto: 9




Commenti

  1. tra i lavori di korine è quello che mi ha colpito di meno, però resta sempre un signor film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece a me è piaciuto moltissimo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.