Passa ai contenuti principali

L'infanzia di Ivan Иваново детство

Anche oggi c'è una recensione, come vedete io sono qui, anche nei giorni che precedono i festeggiamenti di fine anno, e per oggi ho scelto un film del mio guru spirituale, per chi mi segue sa quanto adori e apprezzi il grande Andrej Tarkovskij, di qui questo è il primissimo film da lui diretto, un film decisamente commovente in cui già si conosce il suo percorso stilistico.
La storia è quella di un bambino che si unisce ai militari in guerra, e questi lo usano perchè è capace di non farsi scovare, ma durante una missione perde la strada e si imbatte su un altro militare che vuole proteggerlo mandandolo in una scuola militare.
Il ragazzino non ci sta, e continua il suo percorso, quando si imbatte in un imboscata e lo fanno prigioniero.
Colui che si è preso cura di lui si accorgerà che qualcosa è andato storto.

Tarkovskij, su di lui dovrei studiare molto, dato che ormai ho visto la sua filmografia intera, ma come sempre non basta guardare solo i film, forse il prossimo anno cercherò di leggere articoli, scritti e anche libri su di lui, mi piacerebbe leggere il suo libro dove racconta il suo cinema, quale occasione migliore per cercare scolpire il tempo? Lo cercherò ve lo prometto e poi ne scriverò qui alla fabbrica.
Intanto ha fatto un film sull'infanzia straordinario, come sempre si tratta di un capolavoro, che denuncia lo sfruttamento dell'infanzia in cose di cui i bambini non dovrebbero occuparsi.
Ma si capisce fin da subito l'indole di sani valori di cui il bambino è capace e che si trova dentro di se.
Questo è uno di quei film per i quali è quasi un sacrilegio fare una recensione, dato l'alta qualità della pellicola, lo si può solamente presentare e invitare il pubblico a guardarlo, come tutti i film di questo grande regista russo, uno dei maestri della settima arte, che i cinefili, e intendo TUTTI I CINEFILI dovrebbero conoscere e imparare ad apprezzare.

Tarkovskij che è sempre stato molto religioso, a dispetto di quanti dicono che in russia non si accettava la religione, lui ha sempre percorso una strada tutta personale, e la si può riconoscere attraverso i suoi film; spesso imperniati in un  aurea filosofico e mistica di cui è impossibile non rimanerne colpiti.
E anche con questo film ha fatto centro, avevate forse qualche dubbio?
Ormai grazie all'amico J Doinel per me una vera e propria guida cinefila, - se non ci fosse lui mi sentirei perduta giuro!!! - ho scoperto e mi ha fatto amare Tarkovskij e da allora ho recuperato e visto grazie alle mie visioni private di film tutta la sua filmografia, mi sembra manchino solamente i cortometraggi che recupereò in futuro se avrò la fortunan di beccarli.
Poi ovviamente cercherò di parlarne qui alla fabbrica, dato che per l'anno prossimo anche i cortometraggi avranno spazio rilevante tra le pagine di questo blog, perchè il cinema non è soltanto fatto di lungometraggi non è vero?
L'infanzia di Ivan è un film sull'infanzia perduta, rubata dalla guerra, e sulla violenza che cambia drasticamente gli esseri umani, un film intenso e profondo che è capace di trascendere qualsiasi opinione a riguardo.
Non è certo un film di cui si può dire mi piace o non mi piace, non esiste, bisogna soltanto guardarlo in silenzio; i significati quelli ci sono eccome, come in tutti i film di Tarkovskij che qui denuncia l'ingiustizia della guerra e lo fa chiaramente scena dopo scena.
In conclusione, un film bellissimo, da guardare in silenzio.
Non si può semplicemente spiegare quello che si sente, Tarkovskij te lo dice piano piano all'orecchio, poi spetta a te esprimere ciò che hai sentito durante la visione, io so  soltanto che l'ho adorato per il coraggio con cui ha denunciato la violenza della guerra capace di sopraffare l'infanzia, e solo per questo va lodato. Punto.
Voto: 10


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.