Passa ai contenuti principali

L'infanzia di Ivan Иваново детство

Anche oggi c'è una recensione, come vedete io sono qui, anche nei giorni che precedono i festeggiamenti di fine anno, e per oggi ho scelto un film del mio guru spirituale, per chi mi segue sa quanto adori e apprezzi il grande Andrej Tarkovskij, di qui questo è il primissimo film da lui diretto, un film decisamente commovente in cui già si conosce il suo percorso stilistico.
La storia è quella di un bambino che si unisce ai militari in guerra, e questi lo usano perchè è capace di non farsi scovare, ma durante una missione perde la strada e si imbatte su un altro militare che vuole proteggerlo mandandolo in una scuola militare.
Il ragazzino non ci sta, e continua il suo percorso, quando si imbatte in un imboscata e lo fanno prigioniero.
Colui che si è preso cura di lui si accorgerà che qualcosa è andato storto.

Tarkovskij, su di lui dovrei studiare molto, dato che ormai ho visto la sua filmografia intera, ma come sempre non basta guardare solo i film, forse il prossimo anno cercherò di leggere articoli, scritti e anche libri su di lui, mi piacerebbe leggere il suo libro dove racconta il suo cinema, quale occasione migliore per cercare scolpire il tempo? Lo cercherò ve lo prometto e poi ne scriverò qui alla fabbrica.
Intanto ha fatto un film sull'infanzia straordinario, come sempre si tratta di un capolavoro, che denuncia lo sfruttamento dell'infanzia in cose di cui i bambini non dovrebbero occuparsi.
Ma si capisce fin da subito l'indole di sani valori di cui il bambino è capace e che si trova dentro di se.
Questo è uno di quei film per i quali è quasi un sacrilegio fare una recensione, dato l'alta qualità della pellicola, lo si può solamente presentare e invitare il pubblico a guardarlo, come tutti i film di questo grande regista russo, uno dei maestri della settima arte, che i cinefili, e intendo TUTTI I CINEFILI dovrebbero conoscere e imparare ad apprezzare.

Tarkovskij che è sempre stato molto religioso, a dispetto di quanti dicono che in russia non si accettava la religione, lui ha sempre percorso una strada tutta personale, e la si può riconoscere attraverso i suoi film; spesso imperniati in un  aurea filosofico e mistica di cui è impossibile non rimanerne colpiti.
E anche con questo film ha fatto centro, avevate forse qualche dubbio?
Ormai grazie all'amico J Doinel per me una vera e propria guida cinefila, - se non ci fosse lui mi sentirei perduta giuro!!! - ho scoperto e mi ha fatto amare Tarkovskij e da allora ho recuperato e visto grazie alle mie visioni private di film tutta la sua filmografia, mi sembra manchino solamente i cortometraggi che recupereò in futuro se avrò la fortunan di beccarli.
Poi ovviamente cercherò di parlarne qui alla fabbrica, dato che per l'anno prossimo anche i cortometraggi avranno spazio rilevante tra le pagine di questo blog, perchè il cinema non è soltanto fatto di lungometraggi non è vero?
L'infanzia di Ivan è un film sull'infanzia perduta, rubata dalla guerra, e sulla violenza che cambia drasticamente gli esseri umani, un film intenso e profondo che è capace di trascendere qualsiasi opinione a riguardo.
Non è certo un film di cui si può dire mi piace o non mi piace, non esiste, bisogna soltanto guardarlo in silenzio; i significati quelli ci sono eccome, come in tutti i film di Tarkovskij che qui denuncia l'ingiustizia della guerra e lo fa chiaramente scena dopo scena.
In conclusione, un film bellissimo, da guardare in silenzio.
Non si può semplicemente spiegare quello che si sente, Tarkovskij te lo dice piano piano all'orecchio, poi spetta a te esprimere ciò che hai sentito durante la visione, io so  soltanto che l'ho adorato per il coraggio con cui ha denunciato la violenza della guerra capace di sopraffare l'infanzia, e solo per questo va lodato. Punto.
Voto: 10


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…