Passa ai contenuti principali

Gone Girl - L'amore Bugiardo

Credevate che per il film al cinema vi lasciavo a bocca asciutta oggi? E invece no, ecco a voi l'ultima fatica di David Fincher, Gone Girl - L'amore Bugiardo.
Il film, tratto dall'omonimo romanzo di Gillian Flyn, che cura anche la sceneggiatura.
Il film è una acuta analisi sulle contraddizioni del matrimonio, o meglio sulle scelte che si fanno e che possono schiacciare chi ci vive accanto, rendendolo un ombra della persona che era.
Sottolinea anche l'ipocrisia della vita matrimoniale, fatta tutta di sorrisi, di assenze, di incomunicabilità, che è la cosa più tragica.

Amy sparisce, senza più lasciare traccia, suo marito Nick diventa l'uomo più odiato d'america, ma cosa c'è dietro questa scomparsa? Un omicidio? Una fuga?
David Fincher si relaziona con lo spettatore senza giudicare mai le scelte che fanno i suoi protagonisti, mettendoli davanti a un interrogativo? Il matrimonio è davvero una gabbia in cui una persona non può uscire?
Oppure scendere a compromessi a volte vuol dire schiacciare se stessi in una vita grigia e priva di spessore rispetto a quella che avevi a New York?
Fino a che punto è lecito schiacciare la personalità della persona che ci vive accanto? E' forse questo il tema portante del film? In poche parole SI!
Qui ci troviamo davanti a una moglie che si è stufata della vita di provincia, grigia e anonima, abituata com'era alla sfavillante New York dove era una scrittrice di libri per bambini, inventando il personaggio di The Amazing Amy, ovvero la mitica amy, e passare da una città dove eri qualcuno a un piccolo paesino dove non sei nessuno può far scattare la molla a chiunque.
Non so se Amy sia una pazza o una psicotica, quello che so è che in lei scatta qualcosa che le fa dire Basta, non ci sto più ad essere scopata senza nemmeno un atto di tenerezza, basta non ci sto più ad essere strafiga, basta non ci sto più ad essere cornificata.
A peggiorare il tutto ci si mettono anche i media, e ne fanno un caso come se la sparizione di una donna fosse lo sbarco in normandia.
L'intrusione dei media è vampirica, sempre a caccia della notizia choc da mandare in onda, e il caso di Amy è pane per i suoi denti; sbatti il mostro in prima pagina, anzi a pieno schermo in questo caso.
Il film tratta di questi temi e di altro ancora.
E' la battaglia tra i sessi al centro di questo film, che inizia come qualsiasi film romantico per poi trasformarsi in un giallo quasi hitchcockiano.
Rosamunde Pike, per la prima volta protagonista riesce a regalare suspance, immedesimandosi totalmente in Amy, riuscendo nell'impresa di creare un riconoscimento con il pubblico.
Ben Affleck come attore è sempre monoespressivo, quindi la sua performance non la tengo molto in considerazione, apparte il personaggio che è il classico marito che una volta sistemato si dimentica della moglie, e fa la sua vita, pensando solo a se stesso.
Quindi come marito non è il classico esempio da seguire, si fa pure l'amante, che durante la sparizione della moglie fa ironicamente un appello in difesa del marito di Amy.
Un altro grande film di David Fincher che fa letteralmente a pezzi l'aura buonista e ipocrita del matrimonio e affonda il bisturi nella facciata borghese dell'america, coaudiuvato dalla sceneggiatura scritta dalla stessa Gillian Flyn, autrice del romanzo di cui è tratto, che cercherò di recuperare per capire qualche passo che non ho centrato bene.
In conclusione, un ottimo film davvero che affonda le radici sulla falsità e l'ipocrisia del matrimonio, dell'idea che ci facciamo della persona che sposiamo, e della dura realtà da affrontare ogni giorno, in cui affiora la realtà della vita, e poi fare i conti, accettare i compromessi mentre chi ti sta accanto se ne frega di te, Gone Girl è tutto questo e molto più.
Voto: 8

 

Commenti

  1. Non così entusiasta, però è piaciuto molto anche a me :)

    RispondiElimina
  2. D'accordo con te soprattutto per la performance di Ben.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.