Passa ai contenuti principali

Gone Girl - L'amore Bugiardo

Credevate che per il film al cinema vi lasciavo a bocca asciutta oggi? E invece no, ecco a voi l'ultima fatica di David Fincher, Gone Girl - L'amore Bugiardo.
Il film, tratto dall'omonimo romanzo di Gillian Flyn, che cura anche la sceneggiatura.
Il film è una acuta analisi sulle contraddizioni del matrimonio, o meglio sulle scelte che si fanno e che possono schiacciare chi ci vive accanto, rendendolo un ombra della persona che era.
Sottolinea anche l'ipocrisia della vita matrimoniale, fatta tutta di sorrisi, di assenze, di incomunicabilità, che è la cosa più tragica.

Amy sparisce, senza più lasciare traccia, suo marito Nick diventa l'uomo più odiato d'america, ma cosa c'è dietro questa scomparsa? Un omicidio? Una fuga?
David Fincher si relaziona con lo spettatore senza giudicare mai le scelte che fanno i suoi protagonisti, mettendoli davanti a un interrogativo? Il matrimonio è davvero una gabbia in cui una persona non può uscire?
Oppure scendere a compromessi a volte vuol dire schiacciare se stessi in una vita grigia e priva di spessore rispetto a quella che avevi a New York?
Fino a che punto è lecito schiacciare la personalità della persona che ci vive accanto? E' forse questo il tema portante del film? In poche parole SI!
Qui ci troviamo davanti a una moglie che si è stufata della vita di provincia, grigia e anonima, abituata com'era alla sfavillante New York dove era una scrittrice di libri per bambini, inventando il personaggio di The Amazing Amy, ovvero la mitica amy, e passare da una città dove eri qualcuno a un piccolo paesino dove non sei nessuno può far scattare la molla a chiunque.
Non so se Amy sia una pazza o una psicotica, quello che so è che in lei scatta qualcosa che le fa dire Basta, non ci sto più ad essere scopata senza nemmeno un atto di tenerezza, basta non ci sto più ad essere strafiga, basta non ci sto più ad essere cornificata.
A peggiorare il tutto ci si mettono anche i media, e ne fanno un caso come se la sparizione di una donna fosse lo sbarco in normandia.
L'intrusione dei media è vampirica, sempre a caccia della notizia choc da mandare in onda, e il caso di Amy è pane per i suoi denti; sbatti il mostro in prima pagina, anzi a pieno schermo in questo caso.
Il film tratta di questi temi e di altro ancora.
E' la battaglia tra i sessi al centro di questo film, che inizia come qualsiasi film romantico per poi trasformarsi in un giallo quasi hitchcockiano.
Rosamunde Pike, per la prima volta protagonista riesce a regalare suspance, immedesimandosi totalmente in Amy, riuscendo nell'impresa di creare un riconoscimento con il pubblico.
Ben Affleck come attore è sempre monoespressivo, quindi la sua performance non la tengo molto in considerazione, apparte il personaggio che è il classico marito che una volta sistemato si dimentica della moglie, e fa la sua vita, pensando solo a se stesso.
Quindi come marito non è il classico esempio da seguire, si fa pure l'amante, che durante la sparizione della moglie fa ironicamente un appello in difesa del marito di Amy.
Un altro grande film di David Fincher che fa letteralmente a pezzi l'aura buonista e ipocrita del matrimonio e affonda il bisturi nella facciata borghese dell'america, coaudiuvato dalla sceneggiatura scritta dalla stessa Gillian Flyn, autrice del romanzo di cui è tratto, che cercherò di recuperare per capire qualche passo che non ho centrato bene.
In conclusione, un ottimo film davvero che affonda le radici sulla falsità e l'ipocrisia del matrimonio, dell'idea che ci facciamo della persona che sposiamo, e della dura realtà da affrontare ogni giorno, in cui affiora la realtà della vita, e poi fare i conti, accettare i compromessi mentre chi ti sta accanto se ne frega di te, Gone Girl è tutto questo e molto più.
Voto: 8

 

Commenti

  1. Non così entusiasta, però è piaciuto molto anche a me :)

    RispondiElimina
  2. D'accordo con te soprattutto per la performance di Ben.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…