Passa ai contenuti principali

Game of Thrones - Il Trono di Spade - Stagione 1

Sull'onda del succsso di film fantasy come il signore degli anelli, anche il piccolo schermo si è equipaggiato di conseguenza, portando grazie alla rete televisiva HBO, Il Trono di Spade in originale Game of Thrones.
Ho cominciato a vederla l'anno scorso, ma poi grazie alle feste natalizie l'ho messa da parte per poter festeggiare e fare altro, l'ho ripresa pochi giorni fa guardandola tutta d'un fiato, ebbene mi è piaciuta, e non solo, ora tra poco dovrei cominciare a guardare la seconda stagione, e lì ce ne saranno delle belle.
Game of Thrones è tratta dalla saga fantasy basata sui romanzi Le Cronache del ghiaccio e del fuoco di George RR Martin di cui questa è la traduzione, si ne hanno tratto un telefilm piuttosto che un film per il motivo che le numerose scene di sesso e violenza sul grande schermo non avrebbero preso vita, eh come cambiano i tempi.
Ai tempi di Twin Peaks Lynch ha dovuto censurare parecchie cose, ma sono ormai anni lontani, ormai siamo nel terzo millennio, e credo che non scandalizzi più nessuno una serie con scene di sesso e violenza.
Torniamo a parlare di Game of Thrones una serie di livello alto, altissimo capace di incollarti letteralmente alla poltrona con una storia insolita e mai banale.
Il personaggio che mi è piaciuto di più? E' la Calisi, prima fragile e timida succube di suo fratello che vuole comandare sul popolo di cui sua sorella ha sposato il capo, poi dopo tira fuori le palle e mostra il suo vero lato nascosto, non appena l'ingombrante fratellino esce di scena.
Poi l'altro è Eddard Stark cavaliere del re che farà una brutta fine per non aver voluto piegarsi al nuovo re, a cui non spetta nè il trono nè la corona, fedele fino alla morte a re Robert nonostante tutto.
Nella prima stagione sarà proprio Eddard a fare da primo cavaliere per smascherare il complotto delle varie case alla conquista del trono di spade e del regno, lasciando grande inverno la sua casa, ma una minaccia invisibile incombe fin dall'inizio la pace tra i sette regni.
Se amate il fantasy è la serie giusta per voi, vi divertirete perchè ci sono parecchie scene d'avventura e d'azione, se non amate il fantasy lasciate perdere, non fa per voi.
Voto: 8

 

Commenti

  1. Si assolutamente consiglio questa serie anche io. Andando avanti probabilmente la consiglierai sempre di più. Vero che non è per tutti, ma può soddisfare oltre i seguaci del fantasy anche un target un pochino più ampio. Linguaggio, situazioni, personaggi innovativi a mio parere. Un medioevo insolito direi

    RispondiElimina
  2. Molto bella, anche se per me non il capolavoro sbandierato da tutti - la seconda stagione è da ronfate secche...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.