Passa ai contenuti principali

Apes Revolution - Il Pianeta delle Scimmie

E chi l'avrebbe mai detto?
Un seguito migliore dell'originale può mai uscire?
La risposta è SI, se si tratta del film che metto in esame questa sera.
Innanzitutto abbiamo una trama molto più coinvolgente, che segue laddove finisce il primo capitolo della serie cominciata qualche anno fa e continuata questa estate, vi sembra poco?
In effetti detto così può sembrare di si, ma invece c'è di più...c'è molto di più.

Seconda puntata del film L'alba del pianeta delle scimmie, devo dire la verità, ha superato ampiamente le mie aspettative, perchè sinceramente non sapevo cosa aspettarmi, poteva essere o una boiata, o un film pazzesco oppure un giocattolone vuoto...invece mi ha intrigata moltissimo.
Innanzitutto abbiamo una trama che è ambientata dieci anni dopo il primo episodio, Cesare la scimmia è diventato padrone di una colonia, e gli umani si sono decimati grazie a un virus generato per causare l'Elzheimer ma che ha reso le scimmie più intelligenti.
Poi c'è il fatto che la colonia delle scimmie è fonte di grande energia elettrica per gli umani, così Malcolm, chiede al suo capo il permesso di convincere le scimmie che va lì con le buone intenzioni, in maniera pacifica il permesso di poter usufruire dell'energia.
La scimmia Cesare all'inizio è diffidente, poi si fida di Malcolm e lo lascia lavorare, questo scatena in Koda una rabbia feroce, e fa in modo di uccidere una scimmia finendo per sparare a Cesare, incolpando gli umani della sua morte.
Questo scatenerà una guerra tra scimmie ed esseri umani perchè Koda vuole vendicarsi degli esperimenti subiti e non accetta una convivenza pacifica tra gli umani e le scimmie, facendo poi che anche il figlio di Cesare si unisca alla rivolta per vendicare suo padre - anche se lui non sa affatto come si sono svolti realmente i fatti - e quando la verità tornerà a galla, le carte in tavola cambieranno, riusciranno a scoprire cosa è realmente successo a Cesare?

 Bello, mi è piaciuto un sacco, qui davvero gli umani e le scimmie nonostante la guerra inutile dimostrano di sapersi unire per smascherare il colpevole del misfatto, e della morte di Cesare, che si rivela una vera scimmia d'onore, a differenza di Koda.
Un film tutto da vedere, ergo, ammetto che ne sono rimasta piacevolmente sorpresa soprattutto per la capacità questa volta di fare un opera di di intrattenimento, ma allo stesso tempo capace di fare riflettere le persone sulle cose più importanti della vita, come la tolleranza e il rifiuto di qualsiasi violenza, sia umana che animale.
Con questi presupposti si rischiava grosso, eppure il regista dal canto suo si è superato per questa seconda puntata davvero, un film che va oltre blockbuster, pur appartenendo alla categoria, magari tutti i film usciti fossero di questo livello.
Mi è piaciuto tantissimo, nonostante qualche imperfezione che nel bene o nel male la si perdona.
Voto: 7

 

Commenti

  1. Le imperfezioni ci sono ma, nonostante tutto, un film davvero riuscito. Per me è anche da otto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh il coinvolgimento non ti lascia dall'inizio alla fine, ovvio che un film del genere fa subito breccia, però se tutti i film fossero così coinvolgenti avremmo salvato il cinema hahaha xD

      Elimina
  2. Addirittura più bello del primo? Ce l'ho lì da quest'estate, magari nelle vacanze me lo guardo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, guardatelo io l'ho trovato molto meglio del primo xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.