Passa ai contenuti principali

Bronson

Questo film per me è stato una rivelazione, sia perchè grazie a questo il regista Nicolas Winding Refn è entrato nella cerchia dei miei registi preferiti, e Tom Hardy che qui è spaventosamente superbo è ormai tra i miei attori favoriti.
Il film in se è un capolavoro spaccaculo, come dissi all'antro, non c'è un attimo di tregua, il regista non strizza l'occhio allo spettatore, semplicemente ti mostra il film e il personaggio di Michael Peterson, che non ha nulla a che invidiare all'Alex De Large di Arancia Meccanica di Kubrickiana memoria, un uomo per cui la violenza è ormai diventata una ragione di vita, tanto da passare trent'anni in isolamento, nonostante non abbia ucciso nessuno.


E' il suo temperamento pazzoide che ne fa un pericoloso criminale, tanto da essere persino internato in un manicomio, e qui c'è una delirante scena coi pazzi che ballano sulle note di it's a sin dei Pet shop Boys.
Potevo non recensire quello che per me, almeno quest'anno è uno dei film rivelazione dell'anno?
Un opera indimenticata, che devo dirlo, è già entrata nel mio olimpo personale, grazie a questo film ho deciso di recuperare gli altri film di questo regista talentuoso.
Ma andiamo al dunque, Nicolas Winding Refn dirige il film ispirato a una storia vera, e qui potreste fare due più due, nel dire eh si, ci saranno i soliti difetti, il film è romanzato e bla bla bla...
Il mio consiglio è...non abbiate pregiudizi e guardate questa meraviglia di film, io l'ho adorato dall'inizio alla fine tanto da entusiasmarmi per ogni scena delirante, e allo stesso tempo esilarante, perchè nonostante tutto non puoi non apprezzare il personaggio, che sta persino simpatico allo spettatore.
E' un film incredibile, che spiazza e sconcerta, ma allo stesso tempo non lo dimentichi facilmente, il tutto grazie a una regia sapientemente efficace e brillante, e a un attore straordinario: Tom Hardy.
Si dice che Christopher Nolan lo abbia scelto per il ruolo di Bane dopo aver visto questo film, e non posso dargli torto, dato che è un attore bravissimo.
Per quanto mi riguarda questo film è ormai un cult, ma il bello è che non stanca mai, ti tiene incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e nonostante le gesta discutibili del suo protagonista, ti conquista e non ti lascia più, e credetemi, appena lo vedrete non solo mi darete ragione, ma anche per voi diventerà un cult.
Alla fine, anche se Bronson cerca di allinearsi, costruendo per se una vita normale, deve trascendere dalla realtà e capire che deve accettare la sua natura violenta, quella che spacca le ossa ai secondini, quella che morde, quella che pesta a sangue la gente, e quella che gli fa commettere furti, bisogna accettare la natura, non allontanarsi, anche se le sue azioni sono discutibili.
CAPOLAVORISSIMO
Voto: 10




Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.