Passa ai contenuti principali

Underworld - Il Risveglio

Quarto e...ultimo capitolo della saga di Underworld, e stavolta c'è pure il 3D, per la seria pan per focaccia ecco a voi il capitolo finale, e si spera sia l'ultimissimo del franchise, ma di questo ho i miei dubbi, ma andiamo al dunque: Vero e proprio sequel del secondo capitolo, qui torna la vampira Selene, alle prese con una cura per il vampirismo, si risveglia e scopre di aver dato alla luce una bambina che scopre di vitale importanza per i vampiri, soprattutto perchè la piccola non conosce i suoi poteri di ibrido.

Anche in questo sequel si cambia regia, e qui ci sono addirittura ben 2 registi a dirigere tutto, ma cosa cambia effettivamente? Nulla.
Abbiamo un cinefumettone costruito che non aggiunge nulla di nuovo nè alla saga, nè alle mitologie di licantropi e vampiri, in poche parole, un assurda replica di ciò che è avvenuto negli episodi precedenti, - prequel a parte - e io dico a cosa serve tutto ciò se non a racimolare e sprecare denaro?
Aggiungi anche il 3D e abbiamo un filmetto impacchettato a dovere da dare in pasto al pubblico, ma signori miei, questo non è cinema, il cinema è tutta un altra cosa, tutta un altra questione, ben lontana dai giocattoloni roboanti che hollywood insiste a produrre come una catena di montaggio, e ti viene da dire "Ora basta però eh?"
I Blockbuster bisogna saperli fare, e gente come Spielberg, che ha saputo coglierne sia l'aspetto autoriale che le infinite potenzialità, ha scritto ciò che deve essere un vero blockbuster, a hollywood lo hanno copiato tutti, con risultati avvolte imbarazzanti, altri vincenti, ma sempre di copie si tratta, ciò che ha fatto lo zio steve, a cui si deve il massimo rispetto per carità, è costruire un film sia fruibile per tutti, ma allo stesso tempo che rimanga nella memoria, indimenticabile la scena di ET che vola sul cielo con le biciclette non è vero? Beh questo non succede più al cinema di oggi, che  non può essere definito cinema, ma business, che è un altra cosa.
Cos'altro dire di questo franchise?
Ho il vuoto totale, non mi viene in mente nessuna parola, per me è una saga dimenticabile, che scandisce l'ombra di ciò che deve essere un film capace di entrare nella memoria, anche se si tratta di un blockbuster.
Voto: 3


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.