Passa ai contenuti principali

Red

Hola, e siamo arrivati a Red, eh beh anche io sto facendo il day dedicato a Bruce Willis, secondo film dell'attore recensito oggi, che dire...sto diventanto Willisiana? Naaaaaaaaa ma non ci credo, hahaha, comunque ecco la rece di Red, ora cominciamo davvero.
Dunque, Bruce Willis interpreta un ex agente segreto della CIA Frank Moses, in possesso di segreti di stato, e una ragazza con cui sta parlando al telefono ne viene in possesso, ora deve cercare in tutti i modi di sfuggire al suo passato ma, i suoi vecchi compagni si riuniscono coinvolgendolo, soprattutto per scoprire chi ha fatto si che quei segreti non siano più tali.
Un film divertente, pieno di scene coinvolgenti, e ricco di divertimento, in poche parole un film che spacca.
Cosa si può chiedere di più a un film d'azione?
Divertentissimo, esilarante tratto da un fumetto breve della DC comics, che gli autori hanno cambiato totalmente la sceneggiatura, trasformandolo in qualcosa di nuovo  e originale.
Helen Mirren è strepitosa, come del resto tutto il cast, tra cui spicca in un ruolo  minore l'apprezzatissimo Morgan Freeman.
Il film del resto è un concentrato di scene divertenti dosate al punto giusto che ricordano i celebrati film acchiappa citazioni come Pulp Fiction di tarantino.
Il regista sa giocare col pubblico senza stancarlo mai dirigendo un film a metà strada dalla commedia, al thriller all'action, senza mai perdere di vista la trama e i personaggi, il che di questi tempi riuscire a fare qualcosa di originale è cosa più unica che rara.
Un film che è più di un prodotto di intrattenimento, capace di tenere alta la tensione e mescolarla con vari generi, riuscendo nell'ardita impresa di divertire, laddove altri farebbero cilecca.
Menzione speciale la merita Bruce Willis, che riesce a fare il verso ai film d'azione risultando credibile, daltronde è un personaggio che non si dimentica facilmente non trovate?
Sbrogliare la matassa sarà molto difficile, e solo un duro come Frank, con la sua banda di amici/agenti è capace di farlo.
In conclusione, un film fumettistico che ha la capacità di essere originale e innovativo, non sono un opera di intrattenimento, ma anche un piccolo oggetto da collezionare, e se questo è poco...
Voto: 7


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.