Passa ai contenuti principali

Good Night and Good Luck

Good Night and Good Luck racconta del giornalista che mise fine con il suo programma alla caccia alle streghe comuniste del senatore McCarthy negli anni sessanta, e soprattutto della guerra fredda, oltre delle problematiche legate a giochi di potere che avevano paura del potere della televisione che entra nelle case degli americani, e attraverso questo mezzo che George Clooney con il patrocinio di Soderbergh, dirige la sua opera seconda, dove la televisione non è vista come mezzo per edulcolorare la realtà, ma come mezzo per la libertà e la verità, e per porre fine a una persecuzione che ha messo al bando chi era comunista o aveva solamente simpatie di tale ideologia politica.
La libertà di espressione e di parola racconta quello che non piace che la gente sappia, ed è fastidiosa per chi esercita il potere, ne abbiamo un esempio in italia, dove un imprenditore come Berlusconi proprietario di un impero mediatico diventa presidente del consiglio, ma questa è un altra storia.

Il giornalista in questione si chiamava Edward R Murrow, e attraverso il canale CBS, denunciava le accuse avvolte totalmente infondate, altre volte inventate di sana pianta, solo per semplici sospetti filocomunisti, di onesti cittadini che rischiavano il posto di lavoro, e avvolte persino la loro dignità.
Nonostante le accuse, le minacce di morte, e il rischio di perdere il suo stesso lavoro, come accadrà a un collega che mancava poco ad ottenere la pensione, perde il posto e si suicida per la vergogna, attraverso il programma televisivo del martedì sera See it Now, che fa conoscere ai cittadini la gravissima mancanza di libertà a cui l'america stava rischiando di trovarsi, grazie al supporto del suo amico e produttore Fred Friendly, continua la sua campagna di denuncia per far terminare il fanatismo legato al maccartismo e liberare l'america da questa assurda caccia alle streghe.

Murrow è interpretato da David Strathain qui davvero straordinario, Clooney si regala il suolo di Friendly per raccontare quello che secondo me è il suo miglior film da regista.
Un piccolo capolavoro potrei definirlo, che racconta senza peli sulla lingua il potere televisivo che smaschera il potere politico, senza paura e senza alcun timore, rischiando il tutto e per tutto per far conoscere alla popolazione il marcio di una ideologia pericolosa e sbagliata, che stava cancellando piano piano i principali diritti degli individui: cioè quello di scegliere liberamente le proprie simpatie politiche, nessuno deve dire a me o a voi per chi devi votare, e questo è un diritto inviolabile della libertà umana.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…