Passa ai contenuti principali

Elysium

Nel 2154, l'umanità è divisa tra ricchi e poveri in , la terra ed esylium una stazione orbitante, in cui c'è la cura da ogni malattia, e il benessere sulla pelle degli schiavi umani che lavorano per mantenerli.
Un ragazzo è stato sottoposto a una massiccia dose di radiazioni e rischia di morire, e per trovare la cura deve andare ad esylium, ma è difficile perchè per andarci bisogna fare accordi con dei criminali, lui li fa, e al suo arrivo deve fare in modo di salvarsi e la cosa si presenta molto più difficile di quanto immaginava.

Come film di fantascienza non è affatto male, l'ho trovato coinvolgente e pieno di ritmo, il che non guasta mai.
Il regista è colui che ha diretto District 9 e per questo suo nuovo film, dirige un opera più curata e stilisticamente intrigante, il classico film hollywoodiano di fantascienza, con tutti i crismi.
La cosa sorprendente è la sua capacità di intrattenere il pubblico, mi spiego, non è un semplice blockbuster, ma non è neanche un film che passerà alla storia, possiamo dire che è un film che fa il suo porco lavoro.
Sapete cosa mi fa sbalordire? Quando Jodie Foster fa la bastarda, e in  questo film non si smentisce, anzi fa di peggio, se la ricordate in Inside man nel ruolo di una spregiudicata assistente di un politico, qui invece interpreta colei che dirige Esylium, responsabile della morte di clandestini venuti dalla terra a Esylium nel miraggio di una vita migliore.
Matt Damon è invece un operaio dell'industria di androidi che dirigono gli umani venuti dalla stazione orbitante, che nell'esoscheletro ha i numeri per entrare lì dentro, e liberare gli umani, riuscirà nella sua impresa che può sembrare impossibile?
Come film di fantascienza l'ho trovato niente male, non solo un film che si può gustare davanti ai popcorn, ma qualcosa che trascende il solito film intrattenimento. In poche parole un buon film, divertente, coinvolgente e che fa riflettere sulle divisioni tra poveri e ricchi, tra privilegiati e non privilegiati, le differenze fanno parte della natura umana, soltanto che qualcuno ogni tanto può cambiare le cose in tavola, anche se deve affrontare situazioni che sembrano più grandi di lui.
In conclusione mi è piaciuto. Voto: 7


Commenti

  1. Un po' deludente rispetto a 'District 9', diciamo che ne è la sua versione 'blockbuster'... nel complesso comunque una pellicola più che dignitosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è diversissima da District 9 ma a me è piaciuta :)

      Elimina
  2. L'opposto di quel che ha scritto il Cannibale, in poche parole... sempre più interessato a questo film!

    RispondiElimina
  3. la partenza è anche promettente, poi si trasforma nel solito action fracassone e insulso.
    e pure la tematica della differenza tra ricchi e poveri è affrontata in maniera scontata e ipocrita.
    district 9 è ahimè lontanissimo...

    RispondiElimina
  4. per me è un FILMONE, con molta azione, ma non solo azione, sono uno dei pochi che lo preferisce perfino al gia validissimo district 9

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.