Passa ai contenuti principali

Alien la clonazione

Un film che fa rinascere una saga ormai data per morta, dopo il deludente episodio diretto da David Fincher, ci prova un regista francese Jean Piere Jeunet, che prima di raccontarci la tenera storia di Amelìe ci invita nell'ultimo capitolo di Alien.
Ma qui non c'è Helen Ripley, aspettate mi correggo c'è il suo clone, che ha il dna dell'alieno, più semplicemente è il clone che ha il dna della regina, in più c'è un androide  con le sembianze di Winona Ryder.
Rispetto al capitolo precedente questo è di gran lunga migliore, e rinverdisce il franchise che rischiava la prematura dipartita dopo il terzo episodio diretto da un regista esordiente, che con la saga non centrava nulla.
Andiamo al dunque, alla cabina di regia abbiamo il francese Jeunet che cerca di fare un suo film con questo episodio, che più che una continuazione sembra un film a parte, ma e qui dobbiamo dirlo, pur non avendo ottenuto un grande successo dobbiamo comunque ammettere che non intacca lo smalto della saga, in quanto riesce a dare uno spunto personale a trama e personaggi.
Gli effetti speciali sono grandiosi, qui non si è badato a spese, e sono anche piuttosto realistici, quindi astenersi chi è troppo sensibile d'animo e si impressiona con scene horrorifiche che in questo episodio, più di tutti gli altri della saga, fanno accapponare la pelle.
E' decisamente l'episodio che mancava nella saga e che ha aggiunto un tassello nuovo, grazie a una sceneggiatura ricca e articolata, e a una regia capace di dare suo tocco a dei personaggi facendoli vivere, e non sfigura affatto accanto agli episodi di Scott e Cameron, anzi aggiunge molto alla saga, facendo una sua precisa versione di Alien, dando veramente il suo tocco d'autore.
Ci voleva questo per far risalire dalle ceneri una saga che bene o male ha fatto la storia e che pur non essendo un capolavoro si fa ricordare abbastanza bene, in sostanza il quarto episodio, che sarebbe il finale della saga di Alien, aggiunge molto alla saga facendola resuscitare grazie alla maestria di un autore europeo che ha saputo dare il suo marchio e il suo punto di vista alla storia, un bel cambiamento ci vuole, soprattutto se è un autore che sa come dirigere un film di fantascienza che mescola i generi come appunto fa la saga di Alien.
In conclusione, un film difficilissimo visto i precedenti, che riesce a vivere di luce propria, soprattutto perchè narrato da un regista che sa dare il suo punto di vista alla storia.
DA NON PERDERE




Commenti

  1. C'è un LIEBSTER AWARD fresco fresco che ti aspetta da me...

    RispondiElimina
  2. Questo è il mio preferito della saga, in assoluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo capitolo è bello, molto bello, ma il mio preferito è quello di Ridley scott ^^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.