Passa ai contenuti principali

Prometheus

Avendo visto la prima trilogia di Alien, che ho apprezzato le aspettative per Prometheus erano abbastanza alte. Devo dire però che il film pur essendo un prequel, non è il capolavoro che ha segnato la storia del cinema di genere come è successo con il primo capitolo della trilogia: e i motivi sono tanti.
Prima di tutto è una storia apparte, o meglio una trilogia apparte, pur avendo le stesso impianto che ha fatto della saga di Alien un classico del cinema di fantascienza e horror. In parole semplici è la storia di Alien parecchi anni prima che Ellen Ripley sbarcasse sullo spazio, per assistere alla battaglia che ha visto i suoi compagni di viaggio morire uno dopo l'altro.
Qui ci sono personaggi diversi, e  ovviamente attori diversi, ma forse è così che doveva andare, perchè evidentemente per fare il prequel non possono esserci i personaggi della saga precedente.
Il film è costruito abbastanza bene, forse un po' troppo romanzato, ma pur non avendo la tensione crescente come nei precedenti film, riesce a catalizzare una specie di angoscia, di tensione e di sospetto legate ai personaggi.
A proposito di personaggi, sono loro che appesantiscono il film, pur avendo nomi del calibro di Charlize Theron, Michael Fassbender e Noomi Rapace, che riescono a colpire lo spettatore, ma non fino in fondo come gli altri attori che li hanno preceduti.
Ma parliamo del film, che parla delle origini degli alieni di Alien e di come tutto è cominciato, c'è l'inizio con un umanoide che ingerisce un misterioso liquido nero e poi si disintegra cadendo in acqua, innescando una reazione a catena. Secoli dopo due scienziati fanno un importante scoperta, una mappa che è vista come un invito degli ingegneri a percorrere un viaggio che li porta in un certo luogo.
Gli scienziati accettano l'invito, ma devono fare i conti con alcuni incidenti di percorso legati sia alla terra misteriosa in cui si trovano, sia alla civiltà che l'ha abitata e credono sia estinta. Non solo, c'è anche la misteriosa comandante della navetta prometheus che nasconde parecchi scheletri nell'armadio; quando capiranno che la civiltà non si è estinta, ma risulta ostile all'essere umano dovranno fare di tutto per salvarsi la pelle: ci riusciranno?
Il film non è un capolavoro, è una storia a parte, che va vista per come si presenta. Avvolta il film può risultare piuttosto patinato e meno realistico di Alien con evidenti difetti nella regia, e soprattutto nella scelta di attori famosi e fotogenici che non hanno nulla a che fare con la saga; il resto è un prodotto di intrattenimento fatto abbastanza bene che riesce a divertire...anche se Alien è tutta un altra cosa.


Commenti

  1. Non all'altezza degli illustri predecessori ma dotato di una regia splendida!!

    RispondiElimina
  2. si è un prodotto costruito abbastanza bene che fa divertire ^_^

    RispondiElimina
  3. film pietoso , un insulto alla saga di alien e al suo mitico e mostruoso protagonista, Scott non me la doveva fare una cosa del genere

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.