Passa ai contenuti principali

Il Pasto Nudo

Un film complesso, dalla trama talmente articolata da rischiare di perdersi, eppure è uno dei film più allucinati e geniali che ho visto, qui Cronenberg porta allo stremo i suoi abituali temi cinematografici grazie alla trasposizione per il grande schermo del romanzo omonimo di William Burroghs.
E' un opera cinematografica che lascia parecchio impressionati, soprattutto per le tematiche che tratta, ma anche perchè non si può definire solo in una sola categoria? E' un Horror? Quasi ma ci sta nella categoria horror, è un film fantastico? Può anche darsi, può essere anche comico, si notano le macchine da scrivere a forma di calabroni parlanti, eppure nella sua lucida follia non c'è niente che tocchi il ridicolo, fa tutto parte della trama ed è talmente collegata da risultare perfetta con la trama, come una partita a scacchi in cui i pedoni anche se apparentemente grotteschi, stiano perfetti nella scacchiera.
Protagonista un formidabile Peter Weller, nella parte di uno scrittore allucinato che ingerisce una misteriosa polvere gialla, un veleno per gli insetti di cui è assuefatto, i cui effetti gli fanno credere di vivere in una specie di interzona in cui c'è un complotto tra extraterrestri e mostriciattoli vari, nel frattempo uccide per sbaglio la moglie Joan giocando a fare il bersaglio con il bicchiere, ma invece di prendere l'oggetto colpisce la moglie  in fronte, e si trova al centro di un complotto di cui non riuscirà a sbrogliare, con dentro strani personaggi e strane creature, ma è un sogno? Una allucinazione? O frutto di una mente malata?
Cronenberg gioca con lo spettatore mischiando le carte, e lo fa in un modo impeccabile, geniale, forse è una delle sue pellicole migliori, di certo non è una delle pellicole da guardare con la famiglia, e non è un film per tutti, è uno di quei film d'autore capaci di diventare piccoli oggetti di culto e restare nel tempo come capolavori.
Così Cronenberg dirige il suo film più allucinato e folle, un opera per stomaci forti o per chi non si lascia impressionare del tutto dalle troppe scene schizzinose, un solo consiglio, lasciatevi sedurre dal film, e divertitevi.
In sostanza, un film complesso e affascinante, assolutamente da non perdere soprattutto se amate le pellicole strane o anche il cinema d'autore o di culto.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. visione che non può prescindere dalla lettura del libro. sul "capolavoro" qua non si discute proprio

    RispondiElimina
  2. ovviamente il libro lo cercherò e sarà un piacere leggerlo :)

    RispondiElimina
  3. avevo iniziato a guardarlo, non capivo nulla, allora ho aspettato di leggere il libro (spaventoso!) e quindi mi sono visto il film per intero... e non ho capito nulla lo stesso, ahah! ma la rece è venuta discretamente

    RispondiElimina
  4. questo è Cronenberg, caspita un capolavoro... folle e disturbante, riesce a sfruttare perfettamente il potere del cinema!!

    RispondiElimina
  5. avete ragione tutti, io non ho letto il libro di burroghs (ma sono curiosa di farlo) questa è la seconda volta che lo vedo perchè c'è la rassegna e quindi ho voluto dare un impronta fresca alla recensione roby al posto tuo ho saputo guardarlo tutto la prima volta hehe ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.