Passa ai contenuti principali

eXistenZ

David Cronenberg fa quello che io chiamo il suo film più allucinato, con eXistenZ, dirige una pellicola che si rifà un po' al body horror di cui è sempre stato un maestro, si è un film allucinato perchè la trasmutazione tra mente e corpo trova la forma della sua sintesi espressiva, già precedentemente toccata con il capolavoro  Videodrome che riprende l'incrocio tra realtà e finzione, ma qui c'è di più, forse anche troppo, ma visto la trama è anche comprensibile, se in Videodrome l'incrocio tra realtà e finzione era passivo, qui è attivo, qui sono i protagonisti a manipolare in un certo senso la realtà e il mondo che li circonda, creando grazie a eXistenZ, una realtà alternativa, senza leggi precise, senza limiti, senza dogmi, popolata da creature fantastiche, anfibi, personaggi poco raccomandabili e tanto altro ancora.
Ma è nel potere del gioco che si immischia la realtà da non far capire dove comincia l'uno e finisce l'altro, si alternano situazioni, giochi differenti, personaggi diversi, come se il gioco man mano che va avanti avesse una sua vita al di fuori del game pod, ed è così che Allegra Geller produttrice del gioco eXistenZ si collega per giocare, con il game pod collegato alla bio porta che si trova sotto la spina dorsale, perchè  è il corpo ad alimentare il gioco, che è come un allucinoggeno capace di creare realtà alternative, tanto da perdersi completamente nel gioco e man mano che va avanti eXistenZ entra dentro un altro gioco ancora.
Un ottimo film supportato da un cast di primordine, tra cui spiccano Jennifer Jason Leigh che pur di lavorare con Cronenberg ha rinunciato ad Eyes Wide Shut di Kubrick, Ian Holm, Jude Law e tanti altri.
Il film non è certo ai livelli di Videodrome però ci siamo quasi, è una delle ultime volte che strizza l'occhio al body horror di cui è un maestro con i suoi ormai famosi temi abituali, è certamente un film per stomaci forti.
Nonostante resti una pellicola di ottima qualità forse rischia troppo di perdersi in varie trame, ma Cronenberg dimostra di saper dirigere e questi timori rimangono in secondo piano.
MAGISTRALE.




Commenti

  1. Si sente che sei un'appassionata di Cronenberg eh...

    Sei riuscita a non fare il minimo accenno al finale, brava, sei assolutamente a prova di spoiler.

    A presto!

    RispondiElimina
  2. eh si, no io non spoilero mai quando recensisco :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.