Passa ai contenuti principali

Spider

Spiiideeeeeeeerrrrrrr
è così che chiama suo figlio, un bambino timido e silenzioso, che sta accanto a lei, ma è molto ma molto strano, ha un rapporto molto dolce e amoroso con la madre e un rapporto distaccato con il padre, da qui mi fa pensare al complesso di edipo, il cui film è pieno zeppo di riferimenti, Dennis "Spider" Cleg, dopo che viene dimesso dall'ospedale psichiatrico, viene mandato in un istituto di reinserimento, che si trova nel quartiere da cui ha trascorso la sua infanzia, mentre cammina per le strade e visita i luoghi della sua vita, una serie di flashback, mette in luce, come la tela di un ragno la complessa psicologia e personalità di Dennis, che crede che il padre abbia ucciso la madre e l'abbia sostituita con una prostituta, con cui inizia a manifestare le prime turbe psicologiche, inizia a rifiutarla, come fosse accecato dal dolore per aver assistito a un omicidio? Ma come si sono svolti realmente i fatti? C'è stato davvero un omicidio? E se si chi è la vittima? Chi è il carnefice? In un crescendi di tensione che cattura lo spettatore dall'inizio alla fine si consuma quello che è il film più complesso di David Cronenberg, che si cimenta per la prima volta in un dramma psicologico intricatto e d'alta classe da rasentare il capolavoro.
Nonostante la fama di maestro del body horror direi che il tema della mente umana, il tema del doppio, vengono espressi come esattamente le vede Dennis (un sorprendente Ralph Fiennes, in quella che definirei la sua migliore interpretazione), attraverso il suo punto di vista noi assistiamo al suo viaggio, per scoprire la verità, per vedere e toccare con mano, la causa della sua schizofrenia, il rapporto anomalo con i suoi genitori, con le persone che gli vivono accanto.
E' un territorio rischioso, finora inesplorato da Cronenberg che comunque possiamo definirlo un grandissimo film, tratto dal romanzo di Patrick McGrath, che scrive anche la sceneggiatura.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



                                                                                     


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.