Passa ai contenuti principali

La Zona Morta

Primo film americano di David Cronenberg, tratto dal romanzo di Stephen King.
Protagonista è un insegnante, Johnny, la cui vita scorre tranquillamente fino a un incidente che lo fa restare in coma per cinque anni, da allora le cose cambiano, al momento del risveglio si accorge toccando la mano di un infermiera di possedere il potere della preveggenza, ma è una cosa a cui non è preparato, ne rimane impaurito, ma riesce comunque ad avvisare la donna del pericolo, che sua figlia è in casa e rischia di morire, scoprirà anche che la fidanzata ha sposato un altro e ha avuto un bambino.
La convalescenza di Johnny  è lunga, ma servirà anche per capire cosa realmente gli è successo, riuscirà a comprendere questo nuovo potere che ora possiede, cominciando a dire al suo medico che sua madre è ancora viva, ma lui la crede morta, il medico alla fine riuscirà a telefonare a sua madre ma non parlerà per l'emozione di sentire la sua voce.
Le cose si complicano quando Johnny Comincia a migliorare ed esce dall'ospedale, diventando l'attrazione cittadina, sopportando anche gli sbeffeggiamenti ignoranti di un giornalista che però rimarrà sconvolto una volta che Johnny prenderà la sua mano per dirgli perchè sua sorella si è suicidata.
Johnny ha il potere della preveggenza, che lui usa per salvare vite umane, ma anche per aiutare la polizia che lo chiama per avere una mano su un caso di omicidio svoltosi in un parco dentro un gazebo, Johnny prende la mano della ragazza morta e vede esattamente tutto quello che è successo, riuscendo ad indentificare il colpevole, che non è altro che un poliziotto che si è allontanato una volta capito che potevano arrestarlo, così con la polizia va in casa del giovane, la cui madre lo difende a spada tratta sparando loro addosso e rischiando di ucciderli, morirà invece lei e il figlio si suiciderà.
Un film strepitoso, che aggiunge un altro tassello arricchendo la straordinaria filmografia che qui comincia a maturare, protagonista uno strepitoso Christofer Walken, che dona al suo personaggio una struggente malinconia di chi per la prima volta si trova alle prese con cose sconosciute, e che si trova ad affrontarle dapprima con un po' di timore, poi piano piano inizia a conviverci, il suo è un dono, che viene usato per proteggere, ma scopre anche un altra cosa, come può prevedere il futuro, e vedere il passato, può anche modificarlo, attraverso quella comunemente conosciuta come la zona morta.
Particolarmente interessante è anche la seconda parte del film, quella in cui aiuta un bambino introverso, il cui padre non riesce a comunicare con lui, qui fa conoscienza di un politico, e di cui ha un altra visione, una visione che riguarda questo politico (Martin Sheen davvero molto energico) e che il paese è in pericolo se lui sale al potere, lui lo vede che obbliga un altro uomo e spingere un pulsante, allora decide di fermarlo, ed è ora che la zona morta cambia le carte in tavola...non dico altro a chi il film ancora non l'ha visto, ma è senza dubbio una delle migliori pellicole di Cronenberg, non ai livelli di altri capolavori ma un opera interessante, e da collezionare.


Commenti

  1. Un film potentissimo e sottovalutato, con un grande Walken.
    Da rivedere senza dubbio!

    RispondiElimina
  2. concordo, sottovalutato? Ma è splendido...sai che non sapevo fosse sottovalutato?

    RispondiElimina
  3. orpo..questo mi manca....devo provvedere!

    RispondiElimina
  4. oddio non lo vedo da un boato... che saranno passati 15 anni?
    comunque ne ho un bel ricordo!
    @james: perché sottovalutato?

    RispondiElimina
  5. Walken qui recita per la storia, non gli mancano i grandi ruoli in carriera ma qui é ottimo. Per il resto Cronenberg che adatta molto bene un gran romanzo di Zio Stevie, basta poco per farmi contento ;-)Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.